Gossip e TV

Tutti erano innamorati di Maria Giovanna Elmi: la storia e i segreti della signorina “Buonasera”

Adv

All’anagrafe è Maria Giovanna Elmi, ma per tutti è semplicemente la “signorina buonasera“, una delle annunciatrici più amate ai tempi in cui la tv era garbata ed entrava senza invadenza nelle case degli italiani Dopo il diploma di maturità classica, il suo percorso sembrava ben instradato su binari prestabiliti: davanti a lei c’era l’università, per la precisione la Facoltà di Lettere Moderne, che frequenta con profitto.

Ma, poco prima della laurea, partecipa per gioco al concorso di un magazine femminile. Lo vince, e viene notata e scritturata da diversi brand del settore pubblicitario per le loro campagne, stregati da quella ragazza biondissima, dagli occhi celesti e dal look dolce e acqua e sapone.

Dalla pubblicità all’essere notata anche dal grande schermo, il passo è stato breve: la Elmi, nel 1967, partecipa al film Quando dico che ti amo, diretto da Giorgio Bianchi.

Maria Giovanna Elmi viene assunta in Rai come annunciatrice – “signorina buonasera“, appunto – nel 1968, per poi lavorare insieme a Mal nella trasmissione televisiva Il dirigibile, dove interpreta una fatina. Soprannome, questo, che non si scrollerà mai di dosso per tutta la durata della sua carriera.

Si pensi che, in quegli anni, la sua popolarità era tale che un sondaggio d’opinione la collocò come personaggio televisivo più amato dagli italiani, tanto da farle ricevere l’investitura per ben due edizioni consecutive del Festival di Sanremo: quella del 1977 (insieme a Mike Bongiorno) e nel 1978 (con Vittorio Salvetti, Beppe Grillo e Stefania Casini).

Nel 1988, dopo ben vent’anni di onorato servizio in Rai, abbandona la mansione di annunciatrice televisiva, lasciando delusi e spaesati quanti erano soliti vederla e ascoltarla ogni giorno. Anche oggi, una pletora di suoi fan ricorda ancora con grande nostalgia (basta leggere i commenti sotto le foto che posta nel suo profilo Instagram) la delicatezza e la compostezza dell’annunciatrice, che forse tanto avrebbe da insegnare oggi a chi si presenta sul piccolo schermo in modo sguaiato e invadente.

Ci sono leggende su di lei: pare che Audrey Hepburn le abbia chiesto l’autografo, che Tony Curtis le abbia fatto una corte spietata e che Sylvester Stallone l’abbia portata al galoppo nel deserto israeliano.

Ciò che è vero è solo l’amore per suo marito Gabriele Massarutto, l’imprenditore titolare dell’Idroelettrica Valcanale sposato il 13 dicembre 1993 sul Monte Lussari, con una cerimonia da fiaba. «Siamo due persone curiose, ci piace scoprire e conoscere nuova gente. Sarà questo che ci mantiene giovani dentro ed è uno dei segreti del nostro amore», ha raccontato l’attrice.

Adv
Adv
Adv
Back to top button