Calcio

Udinese: è già tempo di calciomercato?

L’Udinese è in quarantena forzata fino al 22 marzo. Dopo il match con la Fiorentina e la positività al Covid-19 di Vlahovic, i calciatori sono costretti a rimanere nelle proprie abitazioni. Ma nel frattempo, non sono sospese le trattative di calciomercato che vedono il club di Pozzo in prima linea.

Chi difenderà i pali dell’Udinese?

L’Udinese è sempre stata una società nota per le sue compravendite: acquisti di giocatori più o meno famosi da campionati stranieri a basso costo, valorizzati in Italia, rivenduti a cifre importanti.
In questo momento in cui in Italia e in Europa non si gioca a calcio, si parla di calciomercato; e il club bianconero è fra le società attive.

Juan Musso è il portiere rivelazione della Serie A, fin quando si è giocato. Le sue prestazioni non sono sfuggite agli attenti osservatori di alcune squadre, italiane e non.
L’Inter è in pole position per rilevare il calciatore argentino, classe 1994, per sostituire Samir Handanovic che nel frattempo sta trattando il rinnovo fino al 2022 con il club nerazzurro. L’ex estremo difensore del Racing è valutato circa 30 milioni dalla famiglia Pozzo; in estate capiremo se Musso lascerà a giugno Udine o rimarrà un anno in presto con la casacca friulana.

Anche il Milan è una delle pretendenti all’acquisto del portiere argentino, nel caso in cui dovesse partire Donnarumma. Ma c’è un’altra squadra pronta all’assalto per il ragazzo: è il Chelsea di Frank Lampard, che vorrebbe trovare la giusta pedina per difendere la porta dei Blues, considerato che Kepa non ha mai convinto e che probabilmente lascerà Londra a fine stagione.

E per l’Udinese? I bianconeri stanno valutando due profili. Il primo è quello di Radu, di proprietà dell’Inter ma oggi in forza al Parma. La seconda soluzione sarebbe Emil Audero, portiere della Sampdoria classe 1997 molto gettonato.

Chi lascerà l’Udinese?

A giugno il club friulano potrebbe lasciare andare delle pedine importanti, con le quali fare cassa magari da reinvestire nella sessione estiva di calciomercato.

Uno dei probabili e possibili partenti è Rodrigo De Paul. Oggetto del desiderio di diversi club, italiani ed europei, il fantasista argentino è valutato dai Pozzo fra i 35-40 milioni di euro. A farsi avanti è il Milan e secondo calciomercato.com, il club friulano vorrebbe vendere il calciatore a titolo definitivo o in prestito con obbligo di riscatto.

Altro pezzo pregiato dei bianconeri è Seko Fofana. Anche su di lui ci sono le attenzioni di alcuni club, fra cui il Torino, che è sempre stata in pressing per acquisire il cartellino del giocatore ivoriano.
Il calciatore ha un valutazione di 12-15 milioni di euro, ed era un pallino di Walter Mazzarri e dell’attuale tecnico dei granata, Moreno Longo. Tuttosport ha rivelato che proprio il mister del Toro era in procinto di succedere alla panchina bianconera di Tudor, prima che fosse preso in considerazione l’ipotesi Gotti. Per questo l’ex allenatore del Frosinone aveva visionato diverse partite dei friulani, rimanendo colpito da Fofana, giocatore che vorrebbe portare a Torino nel caso dovesse essere confermata la sua panchina nella prossima stagione.

Il problema dell’Udinese è il Watford?

Qualche giorno fa è stato pubblicato un articolo del Mundo Deportivo, prestigioso giornale catalano, che racconta di come la rovina dell’Udinese sia stato il Watford.
Da quando i Pozzo hanno acquistato il club londinese, hanno investito più soldi e maggiori attenzioni sugli Hornets piuttosto che sulla squadra italiana.

L’autore dell’articolo, Pablo Panasa, sostiene che giocatori come Sanchez o Cuadrado, una decina di anni fa sceglievano di giocare nell’Udinese poiché era una vetrina importante per poi calcare palcoscenici più affascinanti. Ora invece, questi giocatori, scelgono di vestire la maglia del Watford, mentre all’Udinese arrivano calciatori di livello inferiori.
Secondo Panasa, a conferma di questo ci sono i numeri: dal 2015 i Pozzo hanno investito 125 milioni di euro nel club bianconero, mentre per gli Hornets 303, poco più del doppio.

Back to top button