MetroNerd

Uncoupled e Sex and the City: personaggi e serie tv a confronto

Uncoupled e Sex and the City. Due serie TV lontane nel tempo, vicine nello spazio, nei contenuti e nelle scelte stilistiche. Il cerchio narrativo che ruota attorno ad un protagonista che decide di vivere la vita al meglio in una grande città in cui, l’assenza di amore viene sentita spesso come un vuoto, come una missione, l’obiettivo di una ricerca tormentata si, ma alleggerita dalle amicizie, la vita mondana, le ultime tendenze.

Uncoupled e Sex and the City: stesso ideatore per due single allo sbando

Uncoupled

Uncoupled e Sex and the City. La prima, una serie TV lasciata questo 29 luglio 2022 su Netflix, ideata da Darren Star e Jeffrey Richman; la seconda, originariamente trasmessa dal canale HBO dal 1998 al 2004, risponde al nome dello stesso creatore: Darren Star.

Elementi comuni e parallelismi inevitabili da cogliere. Due show difficili da non mettere a paragone. Se da una parte abbiamo Carrie Bradshaw, la celebre protagonista di Sex and the City a fare i conti con i ritmi, le mode, gli amori e gli uomini della sua città, dall’altra parte c’è Michael Lawson.

La sua vita sembrava perfetta prima che il suo compagno lo lasciasse. Una storia d’amore interrotta bruscamente dopo ben diciassette anni. Una situazione estrema per il nostro Michael: dovrà fare i conti con sé stesso e con i suoi errori per riprendere una quotidianità equilibrata, da single e nella Grande Mela, la città delle occasioni per eccellenza.

Com’è la vita di un uomo gay pronto a rimettersi in pista con le conquiste a quasi 50 anni?

Uncoupled e Sex and the City: tutti etero, tutti gay?

Se statisticamente in Sex And the City abbiamo più personaggi etero, in Uncoupled abbiamo più personaggi gay. Una ripartenza, un passo avanti, una mossa inaspettata e ben accetta dalla comunità LGBT.

Da una parte, Sex and the City, il grande classico, conosciuto amato e discusso nel corso degli anni. Un cult, si, che ha però adesso il difetto di essere una commedia romantica in “stile primi anni duemila” in cui non per tutti è facile sentirsi rappresentati (dunque con i suoi difetti, i suoi cliché, i suoi forti limiti e i suoi tanti stereotipi marginalizzanti).

Dall’altra, c’è una narrazione (non priva anche questa di difetti) che però vuole porsi l’obiettivo di mostrarsi come un vero e proprio uragano di tematiche che, con la commedia e l’autoironia, vengono affrontate senza troppi filtri. Con leggerezza, sono narrate storie e argomenti che lentamente spingono lo spettatore verso chiare riflessioni profonde.

Uncoupled. Una serie TV in cui l’omosessualità è quotidianità: esiste, non è lontana, non è da nascondere e non servono giri di parole.

Due narrazioni, una città, due storie, due protagonisti: Carrie e Michael.

Chi ruota attorno a queste due figure? Un topos: il classico gruppetto di amici a New York, sempre pronto a consigliare, alleggerire, accompagnare le peripezie del nostro personaggio principale.

Personaggi allo specchio: confronto parallelo

Dato il creatore, le scelte estetiche, le musiche, la località e gli elementi condivisi dai due programmi, non sorprende che gli spettatori non solo stiano confrontando i due show, ma che abbiano anche definito Uncoupled un “riavvio migliore” di Sex and the City.

Ogni personaggio principale in Uncoupled si adatta perfettamente ad una controparte di Sex and the City. Vogliamo scoprirlo insieme?

1 i due protagonisti Carrie Bradshaw di Sex and the City (Sarah Jessica Parker) e Michael di Uncoupled (Neil Patrick Harris). Due personaggi che narrano il loro rapporto con l’amore e con gli uomini. Commettono errori, sono imperfetti e spesso non si accorgono delle evidenze, (almeno sino a che qualche amico non è così schietto da farglielo fa notare!). A loro merito, Michael e Carrie sono disposti a fare molta introspezione dopo essere stati affrontati negli episodi. Questo rende i personaggi simpatici e riconoscibili al pubblico. Lo spettatore in quel momento desidera tifare per un Michael e per una Carrie perché i cuori dei personaggi sono buoni e la loro crescita, l’intento di scoprire dove sia la natura dei loro errori è spesso palpabile, nel corso degli episodi.

Uncoupled e Sex and
Sarah Jessica Parker, Carrie Bradshaw in Sex and the City
Uncoupled e Sex and
Neil Patrick Harris, Michael  Lawson in Uncoupled

2 Billy Burns (Emerson Brooks) di Uncoupled, Samantha Jones (Kim Cattrall) di Sex and the City. Spesso accusati di essere insensibili, di essere poco seri, irresponsabili e scapestrati. Eccoli. Due punte di diamante senza le quali le due serie TV perderebbero sicuramente impatto, valore e una giusta dose di movimento per il protagonista e per l’occhio dello spettatore.

Uncoupled e Sex and
Kim Cattrall, Samantha Jones in Sex and the City
Uncoupled e Sex and
Emerson Brooks, Billy in Uncoupled

Entrambi audaci, di successo, pronti a divertirsi con i loro numerosi partner. L’arco narrativo di Billy sta prendendo una forma più o meno similmente a quello di Samantha. Anche se non è ancora chiaro come andrà a finire per lui, è innegabile che i due personaggi condividano molte somiglianze.

3 E Stanley? (Brooks Ashmanskas). Lui è il cuore del gruppo di amici, esattamente come lo è Charlotte York (Kristin Davis) in Sex and the City. Sebbene abbiamo una visione dell’amore differente, hanno davvero molto elementi comuni.

Uncoupled e Sex and
Kristin Davis, Charlotte in Sex and the City
Stanley
Brooks Ashmanskas, Stanley in Uncoupled

Li rendono simili la lealtà, il senso di protezione nei confronti dei loro amici, i piccoli battibecchi con Samantha e Billy e la scelta di chi ha scritto entrambi i personaggi riguardante la professione e il campo di interesse:

Sia Stanley, sia Charlotte lavorano come galleristi, amano profondamente il loro lavoro e l’arte in ogni sua forma, dalla pittura alla scultura, alla fotografia.

3. Ultime, ma non meno importanti, due migliore amiche che ti dicono in faccia la verità e ti aiutano costantemente a non perdere la concentrazione: Miranda e Suzenne.

Miranda
Cynthia Nixon, Miranda in “Sex And The City” (Photo By Getty Images)
Suzanne
Tisha Campbell, Suzanne in Uncoupled

Uncoupled ricorda costantemente al suo pubblico che Suzanne (Tisha Campbell) è sfortunata in amore. Nulla di nuovo per i fan di Sex and the City, abituati alla lunga serie di relazioni fallite del personaggio di Cynthia Nixon, Miranda, in Sex and the City. I due sono forse i personaggi più pragmatici dei rispettivi gruppi di amici e anche i più critici. Sono anche ferocemente leali e disposti a schierarsi e combattere per i loro cari, qualunque cosa accada. Sono i membri del gruppo dai quali si andrebbe per ottenere discorsi diretti e risposte concrete, realistiche e leali.

Chi ha visto la prima stagione, aspetta con trepidazione il continuo, anche per cogliere ulteriori elementi comuni e discordanti tra le due serie.

Un atteggiamento critico da parte dei fan che, ci lascia ben intendere che, qualcosa, anche nelle serie tv, va aggiunto sempre.

Sofia Pucciotti

Seguici su Google News

Sofia Pucciotti

Laureata alla Magistrale di Editoria e Scrittura a Roma, presso La Sapienza, cresciuta a pane, Disney e fantasia.
Back to top button