Gossip e Tv

Valeria Graci, a processo contro l’ex marito Simon Russo: “Vittima di stalking e violenza”

Valeria Graci vittima di stalking, l’attrice è stata insultata e minacciata dall’ex marito, il quale l’avrebbe tormentata con telefonate e messaggi, tanto da costringerla a bloccare le chiamate sul telefonino. Inoltre, dopo una lite, le avrebbe strappato il cellulare dalle mani e lo avrebbe fatto a pezzi. Come se ciò non bastasse, la comica di Zelig è stata anche ricattata: l’uomo le avrebbe detto che non le avrebbe riportato il figlio a casa. Per tutti questi motivi Simon Russo, 50 anni, finisce a processo: è stato, infatti, rinviato a giudizio dal gup Valerio Savio, secondo quanto riportato da Il Messaggero. Il pm Eleonora Fini accusa l’imputato di stalking. La prima udienza si terrà il 22 settembre.

L’ex marito di Valeria Graci, Simon Russo, separati da diverso tempo, non sembrano aver coltivato buoni rapporti dalla rottura. A legarli sarebbe l’amore provato nei confronti di loro figlio, come aveva fatto intuire la stessa Graci in alcune dichiarazioni.

Graci non ha mai chiarito quanto scritto in occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne nel 2018. In quell’occasione la Graci pubblicò sui social una foto del suo cellullare in mille pezzi, con parole ambigue a corredo: “Ho perso tutto. Non abbiate paura di denunciare anche se la paura vi schiaccia, l’ansia vi opprime e siete terrorizzate come lo sono io… Siate più forti della paura stessa“.

Tutte le informazioni che ci sono in rete su Simon Russo sono legate al rapporto sentimentale con Valeria Graci. I due si sono conosciuti quando erano giovani e dal loro amore, nel 2011, è nato il figlio Pierpaolo. Purtroppo con il passare del tempo il rapporto si è incrinato e le liti sono diventate sempre più frequenti. Per questo motivo la coppia ha deciso di separarsi. Tra loro sembra che non ci siano buoni rapporti e che li mantengano solo ed esclusivamente per amore del figlio

I fatti si sarebbero verificati dal 16 novembre 2018 al 20 novembre 2019. Stando a quanto ricostruito dalla Procura, l’ex marito di Valeria Graci avrebbe tempestato di telefonate e messaggi WhatsApp l’attrice. Si erano lasciati da poco, dopo nove anni di relazione. Nel campo di imputazione si fa riferimento ad «un perdurante stato d’ansia e di paura» che avrebbe provato la 41enne. In quelle chiamate e sms Simon Russo riempiva la donna di minacce e insulti.

Valeria Graci ha raccontato nella denuncia che l’ex marito avrebbe tirato calci e pugni alla porta dell’appartamento dove abitavano insieme. Una volta rientrato, si sarebbe messo a bere un bicchiere di spumante e poi sarebbe cominciata una lite, durante la quale l’uomo avrebbe strappato il cellulare dalle mani della donna per poi ridurlo a pezzi. Ma questo sarebbe solo uno dei tanti episodi. A pochi mesi dal loro ultimo incontro, Simon Russo avrebbe insultato nuovamente l’attrice. Invece nel 2019 l’avrebbe minacciata dicendo che non avrebbe riportato il figlio a casa. Il difensore dell’imputato smentisce quanto contestato da Valeria Graci. «È stato reso interrogatorio dove abbiamo smentito punto per punto le accuse», ha dichiarato l’avvocato Federico Cona, come riportato da Il Messaggero. Il legale ha precisato che nell’udienza preliminare non si giudica la colpevolezza, ma dà la possibilità di scegliere un rito diverso, come quello abbreviato, che prevede uno sconto di un terzo della pena. «Non l’abbiamo fatto perché riteniamo di poter dimostrare in dibattimento che le condotte del mio assistito non hanno nulla a che vedere con il reato di stalking. Non si esclude la scelta di una possibile remissione di querela».

Proprio Valeria Graci ha deciso di raccontare, per la prima volta, quanto vissuto a causa dell’ex marito Simon Russo. Lo ha fatto nel salotto di Silvia Toffanin, a Verissimo, in un giorno importante come quello dedicato alla lotta contro la violenza sulle donne. Quella subita dalla Graci è stata “una violenza psicologica, che rimane addosso più a lungo di quella fisica”, ha precisato. Già qualche tempo fa, parlando di questa delicata questione, l’attrice e comica ha ammesso che a salvarla è stata la presenza di suo figlio: “La cosa che più mi rimette in sesto è il sorriso di mio figlio alla mattina e alla sera, la sua voce, il suo messaggino quando non è con me. Mio figlio è la persona più importante della mia vita, è lui l’uomo della mia vita! “

“Mi sono innamorata perdutamente di una persona, ho avuto una storia importantissima. Abbiamo creato un grande capolavoro. Poi le storie possono finire, in alcuni casi si resta amici, in altri conoscenti e in altri ancora si fa la guerra” – racconta la Graci a Silvia Toffanin precisando – “sentirsi dire sei una nullità, senza di me non andrai da nessuna parte sono parole che fanno molto male, che lacerano dentro e c’è stato un momento in cui ci ho creduto, ma fortunatamente ho avuto il coraggio di raccontarlo e andare in analisi”. Poi la comica parla anche del figlio: “mi ha fatto un sacco di domande, noi per lui ci saremo sempre. Quando sarà grande e vorrà sapere di più glielo racconterò, ma solo quando sarà grande”.

Ultimamente, ha dichiarato rispetto a una nuova relazione: “La mia storia precedente è finita ormai da due anni, col mio ex stiamo impostando un rapporto sereno, anche se ho imparato che queste cose non sono mai semplici. E proprio quando non ci speravo più, ecco che mi sono innamorata. A quanto pare corrisposta”

Adv

Alessia Spensierato

Alessia Spensierato, Editore (Owner & Founder) della testata giornalistica di Metropolitan Magazine. La scrittura è la sua più grande passione, ha scritto il suo primo libro"Il silenzio in un caffè" pubblicato nel 2013 tra i top ten e-book dei più venduti nello stesso anno. Nel 2014 si cimenta nella scrittura del suo secondo "One Way", ex speaker radiofonica. Il mondo del Web l'ha sempre affascinata e oggi ha cercato di unire le sue più grandi passioni creando Metropolitan Magazine. Metropolitan Magazine oggi è una testata nota sia a Roma che in Italia. Non utilizza nessun aggettivo per definirsi, per lei esistono solo parole "nuove" che nessuno sa. "Il mondo è di chi lo disegna ogni giorno in modo diverso, a volte anche senza matite."

Related Articles

Back to top button