AttualitàBRAVE

25 NOVEMBRE: FEMALE CUT lancia la campagna #iodipendodame

L’iniziativa di Female Cut per il 25 novembre

L’associazione di promozione sociale femminile FEMALE CUT in occasione della giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne lancia la campagna #iodipendodame.

Nata nel 2008, FEMALE CUT ha realizzato tantissimi eventi, tutti dedicati esclusivamente alla produzione al femminile nella musica, arte, video, performance e fotografia. 

A causa dell’emergenza sanitaria, la consueta rassegna Female in March Against Violence, in programma il 25 Novembre, è stata rimandata. Di conseguenza, FEMALE CUT lancia la campagna #iodipendodame, per non fermare la marcia in difesa dell’ empowerment femminile!

Aderisci alla campagna di FEMALE CUT #iodipendodame

In particolare, il collettivo ha deciso, di invitare artiste, professioniste, studentesse e tutte le donne che credono fermamente alla propria indipendenza ad aderire alla campagna #iodipendodame.

“In questo momento difficile dove assistiamo con orrore alle continue notizie di abusi, al terribile aumento dei casi di femminicidio, spesso tra le mura domestiche, e alla nascita di movimenti controversi come il #Tradwife, è necessario sottolineare che la nostra indipendenza economica deve essere alla base di ogni ragionamento sull’eliminazione della violenza contro le donne. E per farlo useremo l’unica piattaforma che c’è concessa, attraverso le vostre storie e testimonianze, in attesa di poter tornare a incontrarci dal vivo”

Quindi, per aderire, basterà condividere sui canali social, una propria foto diffondendo l’hashtag  #iodipendodame. 

In breve, per tutta questa settimana, sui canali social di FEMALE CUT , troverete materiale grafico, post, cover e storie da condividere e ripostare!

Facciamoci sentire sui nostri canali social!

Anche noi di BRAVE GIRLS aderiamo e sosteniamo la campagna.

L’abuso economico è violenza

La dipendenza forzata è violenza

La privazione economiche è violenza

La svalutazione personale è violenza

La sopraffazione psicologica è violenza

La discriminazione sul lavoro è violenza

Il divario retributivo è violenza

Il sopruso emotivo è violenza

Quindi, mettici la faccia, partecipa e condividi #iodipendodame  

Eva Milella @Milavagante

Se ti è piaciuto questo articolo, leggine altri qui https://metropolitanmagazine.it/

Back to top button