Cinema

Voglia di romcom? Stasera torna in tv “Tutta colpa dell’amore”

Un gioco di opposizioni continuo. Città contro campagna. Centro contro provincia. L’uomo perfetto ed un futuro di stabilità contro un passato volutamente perduto. Questi gli ingredienti principali di una romcom che ha molto poco di originale e gioca sul recupero delle proprie radici. Si tratta di “Tutta colpa dell’amore” o “Sweet Home Albama”, come recita il titolo inglese che richiama istantaneamente il grande classico dei Lynyrd Skynyrd.

Stasera alle 21.10 su Rai Movie Reese Witherspoon e Patrick Dempsey sono i due protagonisti di questo gioco delle parti che sin dall’inizio lo spettatore può ben capire dove conduce. Witherspoon è Melanie Carmichael, una donna con una carriera da stilista di successo, che frequenta da soli otto mesi lo scapolo d’oro più ambito della città. Questo è il ruolo affidato allo charme di Dempsey: Andrew Hennings, uomo dell’alta società, eternamente in conflitto con la figura materna.

Reese Witherspoon e Patrick Dempsey in una scena da "Tutta colpa dell'amore", Credits: Touchstone Pictures
Reese Witherspoon e Patrick Dempsey in una scena da “Tutta colpa dell’amore”, Credits: Touchstone Pictures

“Tutta colpa dell’amore” e il dramma poco drammatico tra matrimoni e divorzi mancati

Inaspettatamente, e con una mossa da vero (più che benestante) romanticone, Andrew chiede a Melanie di sposarlo. Lei non può che dire sì ma ci terrebbe a mantenere il fidanzamento segreto per poterne parlare di persona con i propri genitori.

Da questo momento in poi qualsiasi dettaglio sembra andare storto: il fidanzamento finisce in prima pagina, la madre di Andrew non nasconde la propria contrarietà al matrimonio e la protagonista è costretta a tornare in Alabama per parlare con la famiglia e fare i conti con un problema relegato nel passato.

I tre coprotagonisti di "Tutta colpa dell'amore", Credits: Letterboxd
I tre coprotagonisti di “Tutta colpa dell’amore”, Credits: Letterboxd

Melanie è infatti ancora legalmente sposata con l’amico d’infanzia Jake Perry (Josh Lucas), che non ha mai firmato i documenti per il divorzio. La perfezione della vita di Melanie, regina della passerella newyorkese, con un matrimonio con un ottimo partito in vista, sembra incrinarsi velocemente. Soprattutto dal momento che Jake si ostina a negarle fermamente il divorzio, autoinvestendosi del compito di ricordare alla “Melanie cittadina” chi è davvero.

Ed ecco che il divorzio mancato, il matrimonio mancato e i non detti diventano tutti singoli passi che mettono Melanie sulla strada per tornare alle proprie radici, recuperare il contatto con se stessa, l’Alabama, la famiglia ed un rapporto che non può semplicemente cancellare dalla propria vita, dal proprio passato e, forse, nemmeno dal proprio futuro.

Debora Troiani

Seguici su Twitter, Instagram e Facebook e RivistaN2!

Debora Troiani

Laureata in Lingue, Letterature, Culture e Traduzioni alla Sapienza, studio ora Editoria e Scrittura, con un curriculum orientato al giornalismo. Sono una grande appassionata di lingue e letterature straniere (soprattutto russa e tedesca), di teatro, cinema e in generale di forme d'arte impegnata che affronta temi sociali.
Back to top button