Pallavolo

Volley, Matej Cernic e Alessandro Fei: coetanei a confronto

La pallavolo italiana negli ultimi anni ha visto diversi campioni sfidare l’anagrafe e continuare a calcare i taraflex di tutto il Paese. Non solo palleggiatori, che per ruolo tendono ad essere più longevi, ma anche schiacciatori. Nel femminile spicca il nome dell’eterna Francesca Piccinini, confermata a Busto Arsizio per la prossima stagione, al maschile sono numerosi gli esempi over 40. Tra questi i coetanei Alessandro Fei e Matej Cernic, entrambi schiacciatori. Scopriamo i numeri di questi due campioni senza tempo.

Alessandro Fei: 24 anni ai massimi livelli

Alessandro Fei, soprannominato “Fox“, è nato a Saronno il 29/11/1978. Il suo esordio nella massima serie del campionato italiano è avvenuto nella stagione 1995/1996 con la maglia della MTA Pallavolo Padova. Dopo tre stagioni a Padova, Fei si è trasferito a Macerata per tre stagioni, salvo poi far ritorno in Veneto, questa volta alla Sisley Treviso per un sodalizio destinato a durare ben 11 anni. Con la società veneta, Fox ha messo in bacheca cinque Supercoppe, 4 Coppe Italia, 4 Scudetti, 3 Coppe CEV ed una Champions League. Nella stagione 2012/2013, Fei è passato alla Copra Elior Piacenza, con cui ha vinto la Challenge Cup, oltre ad un’altra Coppa Italia. Nel 2014 il passaggio alla Cucine Lube Banca Marche, prima Treia e poi Civitanova, che gli ha regalato un’altra Supercoppa.

Alessandro Fei e Matej Cernic a confronto
Alessandro Fei – Photo Credit: Superlega Official Facebook Account

Nella stagione 2016/2017, Fei ha vestito la maglia di Latina, per poi trasferirsi a Piacenza l’anno successivo. Stagione difficile per il club piacentino, retrocesso in Serie A2. Fox ha voluto rimanere nella squadra, capace di vincere il Campionato 2018/2019 e la Coppa Italia A2 e riconquistare subito la massima serie. La stagione 2019/2020, sempre a Piacenza, ha visto Fei appropriarsi del record di punti in Superlega: 10.152 tra Campionato e Coppa Italia. Al termine della stagione, Fox ha deciso di appendere le ginocchiere al chiodo. Ma la sua esperienza rimarrà al servizio della pallavolo italiana: Alessandro Fei continuerà a far parte della Gas Sales nelle vesti di team manager, fortemente voluto dal DG Zlatanov, a cui ha “rubato” il record di punti.

Alessandro Fei: il capitolo Nazionale

Alessandro Fei ha esordito in maglia azzurra nel 1998, dopo aver vinto il premio come miglio U23 italiano in Serie A1 nella stagione appena conclusa. Il debutto è avvenuto nel match ad Arezzo (8 maggio 1998) contro la Polonia, vinto da quest’ultima al tie-break. Pochi mesi dopo è arrivata la grande soddisfazione del trionfo al Mondiale in Giappone. Sono tre invece le medaglie olimpiche conquistate da Fox: bronzo a Sydney 2000, argento ad Atene 2004 e bronzo a Londra 2012. In totale, Fei ha collezionato 253 presenze in Nazionale, mettendo in bacheca, oltre ai trofei già citati, anche due World League (1999, 2000) e due Europeo (2003, 2005).

Matej Cernic: “Ritiro? Non è ancora arrivato questo momento”

Nell’anno in cui Alessandro Fei ha annunciato il ritiro dal volley giocato, Matej Cernic rilancia. Il veterano, nato a Gorizia il 13/09/1978, si diverte troppo per appendere le ginocchiere al chiodo e non ha alcuna intenzione di ritirarsi. Solo qualche settimana fa ha detto di prepararsi al ritorno in Serie A2, che potrebbe arrivare con la maglia della Prisma Taranto. Queste le parole che lo schiacciatore ha rilasciato al Corriere di Taranto:

Al momento non c’è niente di concreto. Ho fatto qualche settimana fa una cordiale chiacchierata telefonica con il presidente. È chiaro che mi farebbe piacere giocare a Taranto, non solo per stare vicino alla mia famiglia, ma sopratutto perché alla mia età cercare nuovi stimoli è importante. Confrontarsi con dei giovani di prospettiva dà carica. Lo sport è competizione e avere di fronte dei giovani ti porta a dimostrare di essere ancora in grado di dire la tua in campo. Sono una persona umile ed il posto in squadra so che me lo devo guadagnare anche se mi chiamo Cernic“.

Fisicamente sto bene, a livello tecnico non posso mettermi in discussione e questi sono alcuni dei motivi per i quali continuo a giocare. Anzi ho più voglia di giocare adesso che quindici anni fa. Ho maggiore esperienza a livello di gestione mentale, non vivo più la pallavolo come un lavoro ma per quello che è, ossia un gioco. Sento ovviamente la responsabilità di essere da esempio per i più giovani perché sono l’atleta più anziano e quello con una carriera di livello alle spalle. La pallavolo è stata la mia vita e quando arriverà il momento di avere il coraggio di dire basta lo farò ma per ora questo momento non è ancora arrivato“.

Alessandro Fei e Matej Cernic a confronto
Matej Cernic in maglia azzurra – Phot Credit: web

Matej Cernic: la carriera tra Italia ed estero

Motivazione ancora altissima per Cernic, che non ha alcuna intenzione di smettere nonostante i tanti anni di carriera alle spalle. Lo schiacciatore di Gorizia ha infatti collezionato ben 171 presenze con la Nazionale. Il debutto in maglia azzurra risale al 9 maggio 1998, quando a Fidenza l’Italia sfidò la Polonia in un match chiusosi in quattro set a favore dei polacchi. Stesso anno di esordio di Alessandro Fei, che è stato compagno di squadra di Cernic anche in occasione dei due titoli continentali, nel 2003 e nel 2005. L’esordio in Serie A1 è arrivato invece nella stagione 1997/1998 con la Jeans Hatù Bologna. La stagione successiva si è poi trasferito a Ferrara, dove è rimasto per quattro anni, salvo poi vestire per tre stagioni la maglia di Modena.

In seguito, Cernic si è spostato all’estero, nelle massime serie del campionato greco (Iraklis Salonicco, 2005/06) e di quello russo (Fakel Novy Urengoi, 2006/07; Dinamo Mosca, 2007/08). Due stagioni in Italia a Martina Franca prima e Perugia poi, seguite dall’esperienza nella Serie A polacca con l’Asseco Resovia Rzeszow (2010/2011). Cernic ha giocato anche in Turchia con il Fenerbahce Spor Kulubu (2012/2013), dopo la stagione vissuta in Italia con Vibo Valentia. Nel 2013 il nuovo rientro in Italia, in Serie A2 con la maglia di Corigliano. Dal 2014 Cernic ha giocato, nell’ordine, a Matera, Alessano (due stagioni), Tuscania e Taviano. Nella stagione 2019/20 Cernic ha giocato nella M2G Group Bari, il cui titolo è stato poi acquistato dalla Prisma Volley Taranto, dove Matej vorrebbe rimanere. Cernic ha collezionato in carriera due Coppe CEV, una Challenge Cup, due Supercoppe greche ed una Coppa di Grecia. Carriera che non è ancora terminata e questo anno anomalo per tutti non ha fatto altro che consolidare la volontà di scendere in campo.

Alessandro Fei e Matej Cernic: numeri a confronto

I numeri non sono tutto, ma contribuiscono a comprendere la carriera straordinaria dei coetanei Alessandro Fei e Matej Cernic. Il primo vanta ben 25 stagioni giocate (una in A2), per la bellezza di 757 incontri disputati (721 in Serie A1). Cernic ha invece giocato finora 20 stagioni in Italia, di cui 11 in Serie A1, per un totale di 468 partite giocate (305 nella massima serie). Anni e anni passati a schiacciare palloni a terra, che in numeri si traducono in 4.248 punti messi a segno da Cernic e 10.152 da Fei. Cifre esorbitanti che fanno comprendere la straordinaria longevità di due giocatori che hanno dedicato la vita alla pallavolo.

Seguici anche sulla nostra pagina Facebook e sulla nostra pagina Twitter!

Back to top button