Il campionato femminile di monoposto W Series potrebbe entrare a far parte delle categorie propedeutiche alla F1 ufficialmente dal 2021. Non correndo quest’anno, a causa della pandemia, le donne della W Series hanno puntato sull’anno prossimo, proponendosi come campionato di supporto della Formula 1.

W Series podio
Jamie Chadwick campionessa della W Series – Photo Credit: Twitter W Series official

Dopo un anno di pausa per la categoria tutta al femminile, si guarda al futuro per un cambiamento che potrebbe essere cruciale. Inizialmente si ipotizzava che il campionato puntasse ad essere un supporto al DTM, successivamente al ritiro di AUDI. Invece questa serie ha deciso di puntare in alto, provando a proporre la W Series alla F1 per il 2021, al fianco di Formula 2 e Formula 3.

W Series categoria supporto alla F1 – La proposta

Come già annunciato, il campionato principale per quest’anno sarà separato dalle sue serie di supporto F2 e F3, che correranno in 8 tappe nelle pause della classe regina, disputando 3 gare per weekend. Quindi questo lascerebbe l’opportunità alla W Series di seguire in parallelo la Formula 1, o di inserirsi in altri eventuali weekend liberi all’interno della stagione.

W Series piloti
I piloti donna del campionato di W Series – Photo Credit: Twitter W Series official

Un messaggio mediatico forte tra F1 e il mondo femminile

Questa è sicuramente un’occasione per Liberty Media, che trarrebbe vantaggio da un’eventuale promozione in Formula 1 di un pilota donna, per il forte messaggio mediatico che potrebbe avere, soprattutto in questo periodo di lotte contro le discriminazioni con lo slogan “We race as one“.

Inoltre F1 e W Series condividono adesso lo sponsor ufficiale Rokit, sponsor principiale Williams. Questo team nel 2014 ha ospitato in occasione di un test Susie Wolff, segnando in quella data l’ultimo contatto tra il mondo femminile e la classe primaria. Non ci resta che aspettare una risposta dalla Federazione per saperne di più sul campionato femminile dell’anno prossimo.


SEGUICI SU:



© RIPRODUZIONE RISERVATA