Attualità

Washington: il killer del carrello della spesa ha ucciso 5 donne

L’uomo afroamericano di 35 anni Anthony Robinson si trova in carcere da novembre, e sembra essere stato individuato come l’autore dell’uccisione di alcune donne ritrovate in carrelli della spesa. L’ultima vittima è stata ritrovata a Union Station ma si teme che ce ne siano molte di più. Questo quanto riporta Ansa.

Il caso del “the Shopping Cart Killer”, il killer del carrello

Vicino a Capitol Hill è stato rinvenuto in un carrello della spesa il corpo di una donna coperto da un telo di plastica. Il ritrovamento avvenuto in queste circostante insolite ha portato le autorità ad individuare come autore del gesto il killer conosciuto come “the Shopping Cart Killer”, la donna sarebbe la sua quinta vittima.

Da novembre si trova detenuto nel carcere di Rockingham, in Virginia, Anthony Robinson, accusato dell’uccisione di due donne nella cittadina Alexandria, ritrovate all’interno di un carrello tra una boscaglia.
Stessa sventura sarebbe toccata ad altre due donne ritrovate secondo la medesima prassi, in Virginia.
L’uomo sarebbe stato individuato come il colpevole in quanto ultimo contatto avuto da alcune delle vittime, ma gli accertamenti sono ancora in corso.
Ora con l’ultimo ritrovamento si pensa che le vittime possano essere molte di più, ma intanto le autorità sono riuscite ad individuare il modus operandi del criminale.

Sembra che il killer contattasse le donne su varie piattaforme di incontri, e le convincesse a darsi appuntamento e a ritrovarsi in un motel, qui l’uomo da prima le tramortiva e le uccideva per poi trasportarle fuori dal luogo coprendole con un telo e collocandole all’interno di un carrello della spesa; così da non destare alcun sospetto.

Continuano le indagine su quello che sembra essere un assassino seriale e che potrebbe aver ucciso molte più donne nel corso degli anni utilizzando questo stesso metodo.
In caso di condanna l’uomo sconterà la sua pena senza essere condannata alla pena di morte, abolita in Virginia dallo scorso marzo.

Seguici su Metropolitan Magazine

Adv

Related Articles

Back to top button