Weekend di festa e gusto alla Garbatella con “Roma Baccalà”. Un nome senza fronzoli che lega semplicemente i due protagonisti di una neonata manifestazione enogastronomica e culturale che si terrà fino a domenica 13 settembre in piazza Damiano Sauli.

Roma, da una parte, in particolare il quartiere di Garbatella. Il baccalà dall’altra, protagonista di piatti, ricette della tradizione, nonché di affascinanti storie e connessioni tra culture, storie, religioni.

C’è un mondo da scoprire dietro al baccalà, e Francesca Rocchi, direttrice artistica dell’evento, lo ha voluto raccontare, grazie alla collaborazione con Un Lab, Archi’s Comunicazione e il patrocinio di Regione Lazio e Municipio VIII. Il taglio del nastro di Roma Baccalà c’è stato giovedì 10 settembre, alle 19, con il talk show “Baccalà International”, presenziato da Francesca Rocchi e al quale hanno partecipato gli altri organizzatori dell’evento, il presidente del Municipio Amedeo Ciaccheri, l’ambasciatore della Norvegia Margit Fredrikke Tveiten, esperti e appassionati del baccalà e del quartiere Garbatella, cornice della manifestazione.

Garbatella è il luogo ideale per dare il via a questa manifestazione, secondo Francesca Rocchi: “Un quartiere popolare, accogliente, dove ancora ci sono botteghe storiche, dove ancora c’è voglia di comunità, di parlare di tradizioni popolari”.

“In un anno simbolico per Garbatella, che compie 100 anni, abbiamo voluto credere a Roma Baccalà – ha detto il presidente del Municipio Amedeo Ciaccheri – come simbolo, come una luce per Roma. Vogliamo dire che Roma può ancora scoprire il senso della comunità, della relazione, della promozione della città attraverso eventi come questi, con tutte le misure di sicurezza che Roma Baccalà ha adottato. Siamo convinti che questa possa essere la prima edizione di una rassegna che durerà nel corso degli anni. E, dunque, benvenuta Roma Baccalà”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA