Xmas, parole dal mondo: l’abbreviazione inglese del Natale che ha origine dal greco antico

Foto dell'autore

Di Stella Grillo

Nello spazio dedicato alle Parole dal Mondo, un’analisi sull’abbreviazione inglese Xmas la cui origine deriva dalla lingua greca.

Xmas, l’espressione di uso colloquiale che ha come significato Cristo

Xmas - Credits: wikipedia
Credits: wikipedia

Il termine Xmas è un’espressione di uso colloquiale inglese che, nel tempo, è diventata di uso commerciale. Xmas è l’abbreviazione del termine inglese Christmas, ovvero, Natale; tuttavia, tale abbreviazione deriva dall’antica parola greca ΧΡΙΣΤΟΣ ovvero Cristo. In origine la prima lettera da cui si componeva Xmas si rendeva con il grafema X (chi), la cui pronuncia riprendeva il suono della fonetica greca: un kh aspirato.

In seguito il chi greco, poiché molto somigliante alla lettera latina X, assume sempre più similarità con quest’ultima fino a rendere uguale anche la pronuncia. All’interno dell’antica arte cristiana χ e χρ ( Chi-Rho) erano le prime due lettere da cui era composta la parola greca Χριστος, Christos. Le lettere in questione costituivano il Monogramma di Cristo; una combinazione di lettere dell’alfabeto greco la cui formazione creava una abbreviazione del nome di Cristo, spesso presente anche nel Nuovo Testamento.

Prime testimonianze e apparizioni del termine

Le prime apparizioni dell’abbreviazione di Christmas risalgono a Bernard Word nella Storia del Collegio St.Edumnd, la cui pubblicazione risale al 1755. Esiste un’altra testimonianza datata 1551: l’abbreviazione, in questo caso, corrispondeva a “X’temmas”. Mentre, intorno al 1100, esiste un’ulteriore testimonianza del termine Xmas: “Xp̄es Maesse” nella Cronaca Anglosassone.

Il termine si trova anche in una lettera del 1753 scritta dal diplomatico britannico George Woodward. Mentre, in letteratura, si hanno testimonianze sull’uso dell’espressione dal poeta Lord Byron nel 1811 e da Lewis Carrol, nel 1864, scrittore e matematico autore del celebre testo Le avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie, pubblicato nel 1865. In seguito alla pubblicazione della quinta edizione del Dizionario Inglese Royal Standard (Boston, 1800) negli Stati Uniti, si incluse l’abbreviazione all’interno della “lista di abbreviazioni comuni e di contrazioni delle parole”.

Stella Grillo

Seguici su Google News