Cultura

Fuyuyūyake, parole dal mondo: il tramonto di una limpida giornata invernale

Nel nuovo appuntamento della rubrica Parole dal Mondo,  Fuyuyūyake: una poetica parola giapponese riferita ai bellissimi colori di un tramonto che si manifesta in una tersa giornata invernale.

Fuyuyūyake, i colori infuocati dei crepuscoli e dei tramonti invernali

Fuyuyūyake
Photo Credits – ilfotografo.it

Un altro termine legato alla bellezza e alla magia dell’inverno proveniente dal Giappone. Inverno「冬」 in lingua giapponese si traduce con Fuyu; a questa radice si legano numerose parole riferite alla stagione invernale. Fra queste Fuyuyūyake;  yūyake, infatti, è una parola che si compone dai kanji 夕 “sera” e 焼 “bruciare”. In questo caso, il termine si riferisce al tramonto che spesso si scorge durante le sere d’estate o verso la fine della primavera quando sole, scendendo, sparge tutto intorno la sua luce rutilante e il cielo si dipinge, incendiandosi, di un rosso vivido e luminoso.

Questo fenomeno può verificarsi anche durante una tersa giornata invernale quando, grazie alla posizione del sole sull’orizzonte, il crepuscolo si tinge di colori rosati, rossi, e vividi mentre il cielo diventa un’enorme tela rifulgente di tinte calde e luminose. In Giappone, in riferimento a questo magnifico fenomeno che la natura regala, esiste un termine apposito che è, per l’appunto, 「冬夕焼」 Fuyuyūyake.

Perché i tramonti invernali sono diversi?

La luce che proviene dal Sole è bianca, ma attraversando gli strati dell’atmosfera terrestre incontra le varie sostanze presenti nell’aria che riflettono porzioni di sue componenti e che, di conseguenza, la fanno apparire di un colore diverso. Il fenomeno è noto come scattering di Rayleigh, dal fisico John Rayleigh che descrisse questo processo nella metà dell’Ottocento. La bellezza dei colori sgargianti dei tramonti invernali deriva da fatto che, poiché in inverno fa più freddo, c’è meno umidità e in questo caso ci sono meno particelle di vapore acqueo a fluttuare nell’aria.

Se queste particelle sono di quantità maggiore e di dimensioni maggiori, la luce rossa tipica del crepuscolo farà fatica a farsi notare. Qualora, invece, le particelle in questione siano in netta minoranza, come appunto avviene nella stagione invernale, la luce rossa sarà più visibile. Da qui il significato di Fuyuyūyake e la bellezza dei tramonti che incendiano i cieli invernali.

Stella Grillo

Seguici su Google News

Stella Grillo

Io sono ancora di quelli che credono, con Croce, che di un autore contano solo le opere. (Quando contano, naturalmente.) Perciò dati biografici non ne do, o li do falsi, o comunque cerco sempre di cambiarli da una volta all'altra. Mi chieda pure quello che vuol sapere e glielo dirò. Ma non le dirò mai la verità, di questo può star sicura. Italo Calvino
Back to top button