Calcio

Young Boys-Atalanta 3-3, gol e spettacolo a Berna: infortunio Zappacosta

Adv
Adv

Young Boys-Atalanta a Berna, nella 5a giornata del girone F della Champions League, l’Atalanta chiude con un pareggio e tanti gol, la difficile trasferta in Svizzera. A lungo in vantaggio, la Dea non trovca il colpo del ko, passa addirittura in svantaggio, ma poi viene salvata da Muriel nel finale. Infortunio alla caviglia destra da Zappacosta da valutare nelle prossime ore. Così la cronaca della sfida.

Il primo tempo di Young Boys-Atalanta

L’Atalanta ci prova subito al 5′ minuto con Palomino, che su azione da calcio d’angolo, impatta male la palla, a un passo dalla porta degli elvetici. Cinque minuti più tardi la Dea passa in vantaggio. A propiziare la rete degli uomini di Gasperini, è una bella combinazione sull’out mancino tra Pasalic e Freuler, con girata a rete vincente di Zapata, bravo a farsi trovare pronto e reattivo al centro dell’area avversaria.

I padroni di casa provano a farsi sotto ed Elia al 15′, dalla destra, cerca Siebatcheu al centro dell’area, ma Demiral libera la zona tempestivamente. Al 17′, invece, lo Young Boys organizza una bella azione offensiva, che Aebischer chiude con una rasoiata di poco troppo larga, rispetto alla porta difesa da Musso.

Alta sopra la traversa, invece, finisce la sfera che Palomino colpisce comunque bene sugli sviluppi di un corner, per quello che poteva essere il raddoppio dei nerazzuri.

Poco prima della mezz’ora, Ngamaleu va a terra nell’area atalantina dopo una leggera trattenuta di Zappacosta, gli svizzeri chiedono il penalty, ma l’arbitro Siebert non è dello stesso avviso e si prosegue a giocare.

È invece il 32′, quando Pasalic, servito da Malinovskyi al limite dell’area dello Young Boys, di sinistro cerca la rete, mandando tuttavia il pallone appena un po’ più in là rispetto al sette alla destra di Faivre. Lo stesso numero 88 nerazzurro viene sgambettato nell’area svizzera poco dopo da Lauper. Il rigore potrebbe essere concesso, ma arbitro e VAR non lo assegnano.

Al 39′ la formazione svizzera pareggia i conti con Siebatcheu, che su di un corner, di testa, sorprende la difesa avversaria e batte l’incolpevole Musso. Tre minuti più tardi, poi Garcia fa correre qualche brivido sulle schiene degli avversari, con una conclusione che tocca la parte alta della rete, ma nulla di più.

Young Boys-Atalanta, dunque, si chiude dopo i primi 45 minuti, con un pareggio e l’infortunio rimediato da Zappacosta alla caviglia destra.

Il secondo tempo

Nella ripresa l’Atalanta si rende subito pericolosa con Malinovskyi su calcio di punizione e al 51′ Palomino porta a due le reti della Dea, con un sinistro bello, preciso e soprattutto imprendibile per Faivre.

Gli uomini di Wagner accusano il colpo, ma al 65′ Elia prova a sorprendere Musso con un tiro dal limite dell’area, ma l’estremo difensore atalantino è ben posizionato e riesce a bloccare la sfera a terra.

Quattro minuti più tardi, il neo-entrato Mambimbi, porta pericolo nell’area nerazzurra, ma il tiro del numero 19 giallonero è deviato in angolo dalla difesa atalantina. La risposta della Dea è affidata a Zapata, che al 73′, dopo un duello con la difesa di casa, spara alto di destro da buona posizione.

Al 79′ Pezzella ci prova con un sinistro insidioso, che Faivre, in tuffo, neutralizza in angolo. Un minuto dopo lo Young Boys pareggia i conti dei gol con Sierro, bravo a sfruttare in modo vincente un assist di Siebatcheu, in un’azione nata da un fallo laterale.

Nei minuti finale la Dea cala vistosamente, gli svizzeri sfiorano la rete del vantaggio con Siebatcheu all’84’ e poco dopo, con un sinistro da copertina di Hefti, ribaltano il risultano in proprio favore.

Quando sembra non poter accadere più nulla, Muriel, in campo da un solo minuto, riporta la sfida in parità su calcio di punizione.

Il pareggio lascia la squadra di Gasperini in terza posizione a 6 punti, mentre per lo Young Boys sarà decisiva la prossima gara sul campo del Manchester United.

Il tabellino di Young Boys-Atalanta 3-3

Marcatori: 10′ Zapata (A), 39′ Siebatcheu (YB), 51′ Palomino (A), 80′ Sierro (YB), 84′ Hefti (YB), 88′ Muriel (A)

Young Boys (4-3-3): Faivre; Hefti, Burgy, Lauper, Garcia; Aebischer, Martins Pereira, Rieder (67′ Sierro); Elia (67′ Mambimbi), Siebatcheu (89′ Kanga), Moumi Ngamaleu. A disp.: Zbinden, Spielmann, Jankewitz, Maier, Maceiras, Lefort, Lustenberger, Tourè.

Atalanta (3-4-2-1): Musso; Tolòi, Demiral (71′ Djimsiti), Palomino; Zappacosta (46′ Pezzella), de Roon, Freuler (78′ Pessina), Maehle (87′ Muriel); Malinovskyi, Pasalic (71′ Koopmeiners); Zapata. A disp.: Sportiello, Muriel, Scalvini, Miranciuk, Ilicic, Piccoli.

Arbitro: D. Siebert (Germania) Ammoniti: Garcia (YB), Moumi Ngamaleu (YB), Demiral (A), Hefti (YB), Zapata (A)

Autore: Adriano Fiorini

Articolo precedente

Seguici su:

Pagina Facebook Il calcio di Metropolitan

Pagina Facebook Metropolitan Magazine Italia

Account Twitter Ufficiale Metropolitan Magazine Italia

Champions League

(Photo credit: Atalanta Bergamasca Calcio)

Adv
Adv

Adriano Fiorini

"Lo sport va a cercare la paura per dominarla, la fatica per trionfarne, la difficoltà per vincerla." (cit. Pierre De Coubertin). C'è allora qualcosa di più divertente da raccontare?

Related Articles

Back to top button