ViaggiAmo

Zante, cosa vedere sulla famosa isola greca

Zante è una della mete preferite dell’arcipelago greco delle isole Ionie. Con il suo mix perfetto tra cultura, natura e tradizioni rappresenta uno dei luoghi da scegliere per una vacanza all’insegna del relax da raggiungere in aereo o in nave. È famosa anche per l suo parco marino naturale protetto dove è possibile ammirare le tartarughe caretta-caretta. E’ entrata anche nella storia della letteratura grazie al suo più illustre cittadino che le dedico una bellissima poesia. Stiamo parlando di Ugo Foscolo di “A Zacinto”

Zante e la sua storia

Zante, fonte wallpaperaccess.com

La storia di Zante, anticamente Zacinto, risale all‘epoca mitologica. A quest’era Omero fa risalire la sua fondazione da Zakynthos figlio di Dardano da cui discende la stirpe di Troia. È stata poi un importante dominio veneziano nel tra il XII e il XVIII secolo dove l’isola fiorì notevolmente e aumentò di popolazione. Zante ha dato anche i natali al grande poeta preromantico Ugo Foscolo che li nacque nel 1778 a cui dedico la famosa poesia a “A Zacinto” . Zante è stata anche la terra natia di Dionysios Solomos, l’autore dell’inno nazionale greco a cui è dedicato il suo aeroporto ed un museo. L’isola è stata infine colpita nel 1953 da un violento terremoto. Oggi Zacinto è un isola greca ben collegata alle coste del Peloponneso e all’Italia con aerei e navi. È anche uno dei luoghi naturali dove le tartarughe caretta-caretta depongono le loro uova.

Cosa vedere in questa bellissima isola greca

Dal punto divista naturalistico Zante è famosa per le sue insenature e per le sue spiagge. La più famosa e raggiungibile solo via mare è la spiaggia del relitto così denominata per la presenza del relitto di un mercantile che li si arenò. Vale la pena poi visitare il parco marino naturale dove è possibile avvistare le tartarughe caretta-caretta. Di esso ricordiamo la baia dell‘isola di Marathonisi, tutelata dalla autorità greche perchè luogo di riproduzione delle caretta-caretta e raggiungibile solo in canoa. Tra le altre spiagge belle ricordiamo quella di porto Limnionas sul versante occidentale con la sua acqua cristallina.

Oltre che il mare si può pensare a di fare a Zante diverse escursioni nell’entroterra. Se si esclude l’omonima città e Laganas dove è presenta l’aeroporto che sono località più turistiche, è bello addentrarsi al suo interno e visitare il villaggio di Loucha a dieci chilometri di Porto Limnionans. Qui le strade acciottolate e le caratteristiche case in pietra con giardino recintato dimostrano come il tempo sia fermato e nulla sia stato stravolto dal terremoto del 53′ e dalla ricostruzione turistica. La stessa mancanza di trasformazione la si po’ notare nel paesino di Kieri, località famosa anche per le sue bellissime grotte marine.

Stefano Delle Cave

Seguici su Google news

Adv

Stefano Delle Cave

Stefano Delle Cave è scrittore, giornalista pubblicista e regista. Laureato magistrale in D.A.M.S. all’Università di Roma Tre. Gli articoli redatti da Stefano giornalista hanno per tema il cinema, la cultura e la società civile in genere.

Related Articles

Back to top button