Metropolitan Today

Aids: Giornata mondiale alla lotta contro il virus dell’HIV

L’Mtoday di oggi lo dedichiamo alla “Giornata mondiale alla lotta contro l‘Aids“, che si celebra il 1 dicembre. Istituita nel 1984 scaturì dal summit dei ministri della sanità di tutto il mondo, sui programmi per la prevenzione della malattia. L’ appuntamento ha lo scopo di tenere puntata l’attenzione sul problema. E’ fondamentale sensibilizzare e ricordare quanti, hanno perso la vita per aver contratto l’Aids. Identificata nel 1984, si contano ad oggi circa 35 milioni di morti nel mondo. Molti passi avanti nella prevenzione ed importanti progressi scientifici sono stati fatti. Oggi ci sono leggi che tutelano chi ha contratto l’Aids e strumenti che permettono di monitorare le condizioni dei pazienti.

L’informazione e la prevenzione sono e restano i capisaldi per rallentare la diffusione di questa che è senza dubbi, una pandemia tra le più impattanti e mortali. E’ importante diffondere le conoscenze sulle modalità di trasmissione del virus dell’ HIV. Mettere a disposizione notizie sui centri di riferimento presenti sul territorio e sull’importanza di un accesso precoce al test, per riconoscere la sieropositività all’infezione. Tutto questo permette di contenerne la diffusione e nei casi accertati di avviare tempestivamente un percorso terapeutico.

Immagine nastro rosso, simbolo della lotta contro l'Aids  photo credit: IVG.it
Immagine nastro rosso, simbolo della lotta contro l’Aids photo credit: IVG.it

Aids: diagnosi e terapie

La tempestività sulla diagnosi resta un obiettivo primario. Negli ultimi 4 anni il buon esito delle terapie antiretrovirali, per 35% dei casi di accertata positività all’HIV è risultato compromesso dal ritardato approccio ai test. Per questo è fondamentale sottoporsi ai test nel minor tempo possibile. Resta compito e dovere di tutti essere informati sulle modalità di diffusione delle malattie sessualmente trasmissibili, tra queste l‘Aids. Da quel non lontano 1984 sono nate importanti iniziative e associazioni con lo scopo di informare. Dibattiti, convegni, testimonianze e interventi hanno raggiunto sedi governative di tutto il mondo, scuole, ospedali e semplici piazze.

Nel nostro paese sono circa 3.500 nuovi casi ogni anno, che interessano perlopiù giovani tra i 25 e i 29 anni e sono causati da infezioni a trasmissione sessuale. ” Chi lo conosce lo evita”, questo era lo slogan di qualche anno fa legato alla campagna di informazione contro l’HIV. La giornata mondiale contro l’Aids rappresenta un’importante occasione per promuovere la prevenzione e l’assistenza. Bisogna combattere i pregiudizi e sollecitare i governi e la società civile. Bisogna investire risorse appropriate per la cura e le campagne di informazione. Simbolo di solidarietà è l’ormai famoso nastro rosso da indossare in occasione di questa giornata.

di Loretta Meloni

Facebook

Instagram

Twitter

Back to top button