MovieNerd

Alice in Wonderland e la salute mentale

La storia di Lewis Carroll di Alice nel paese delle meraviglie è molto famosa, grazie anche all’omonimo classico Disney del 1951. Inoltre, nel 2010 è uscito il live action Alice in Wonderland, che ha dato il via alla lunga lista di remake della casa di Topolino. Quest’ultima trasposizione mostra Alice più grande che visita nuovamente il mondo delle meraviglie. Tim Burton dirige il cast formato da Johnny Depp, Mia Wasikowska, Anne Hathaway, Helena Bonham Carter e Crispin Glover.

Poster del film del 2010 "Alice in Wonderland".
Photo credit: dal web

I personaggi di Alice in Wonderland hanno delle malattie mentali?

Potrebbero, a seconda di come li guardiamo, ma non prendete le seguenti affermazioni come vere: sono solo semplici osservazioni. Se amate la storia di Alice così com’è, potete leggere e continuare ad apprezzare i personaggi per quello che sono per voi. Il discorso è simile a quello sulle personalità dei personaggi di Winnie the Pooh: semplici osservazioni su personaggi di fantasia. Proprio come suggerisce medicinanarrativa.eu, ecco come possiamo classificare i personaggi principali.

Alice

Partendo da Alice, sembra che la piccola soffra di allucinazioni e disturbo della personalità. Durante la sua avventura, Alice soffre di micropsia e macropsia, infatti la vediamo ingrandirsi o restringersi a dismisura dopo aver mangiato o bevuto qualcosa. Proprio da questo dettaglio del racconto di Carroll, esiste un disturbo neurologico che colpisce la percezione visiva che prende il nome di Alice in Wonderland syndrome.

Alice cambia taglia nel film animato.
Photo credit: dal web

Bianconiglio

Il Bianconiglio ha un disturbo d’ansia generalizzato, infatti corre sempre di fretta per paura di arrivare in ritardo. Tra l’altro parliamo di un luogo in cui il tempo si è fermato: “è sempre l’ora del tè”, ma il coniglio non riesce a smettere di preoccuparsi.

Stregatto

Allo Stregatto si associa la schizofrenia, principalmente per la sua tendenza a comparire e scomparire all’improvviso e casualmente. Inoltre, è un personaggio che tende a distorcere la realtà e a portare anche gli altri alla follia.

Lo Stregatto nel film animato "Alice in Wonderland".
Photo credit: dal web

Regina di cuori

La Regina di Cuori è un personaggio egocentrico, narcisista e decisamente violento. Gardner, uno psicologo statunitense, ha affermato che è un elemento innocuo per i bambini, che la identificheranno semplicemente come la cattiva della storia, ma ha sottolineato che:

“Non dovrebbe essere permesso al libro di circolare indiscriminatamente tra gli adulti che sono in fase di psicoanalisi.”
Howard Gardner

Brucaliffo

Il Brucaliffo viene etichettato come un personaggio tossicodipendente. L’elemento del fumo è una delle cause per cui nel film Alice in Wonderland del 2010 è stata consigliata la presenza di un adulto per la visione da parte di un pubblico più giovane.

Il Brucaliffo nel film del 2010 "Alice in Wonderland".
Photo credit: dal web

Cappellaio Matto

Il Cappellaio Matto, come si può intuire dal nome, è semplicemente matto. Il personaggio ripete in modo ossessivo gli stessi festeggiamenti ogni giorno per il non-compleanno. Non ha più il senso del tempo e mentre invecchia gli sembra che sia sempre la stessa ora.

Carte

Le carte non rappresentano una particolare patologia, ma il loro aspetto rispecchia il loro scopo. Il compito delle carte è quello di servire la regina, ubbidendo anche ad assurdi ordini di decapitazione: la loro personalità si è appiattita, proprio come il loro corpo.

Stasera in tv: Alice attraverso lo specchio

Seguici sui social:
Facebook
Instagram

Adv

Related Articles

Back to top button