LetteralMente Donna

Antonia Pozzi, la forza della parole e il dolore di una vita

Adv

Benvenuti nell’universo femminile di LetteralMente Donna. Faremo un viaggio nella prima metà del 900′ a Milano. Parleremo di una poetessa che ha avuto gli onori che meritava solo dopo la fine della sua giovane e sofferente viva. Abbiamo dedicato questa puntata ai forti ed interiori versi di Antonia Pozzi.

“Era un’ipersensibile, dalla dolce angoscia creativa, ma insieme una donna dal carattere forte e con una bella intelligenza filosofica; fu forse preda innocente di una paranoica censura paterna su vita e poesie. Senza dubbio fu in crisi con il chiuso ambiente religioso familiare. La terra lombarda amatissima, la natura di piante e fiumi la consolava certo più dei suoi simili”.

Queste parole della filologa e italianista Maria Corti ci fanno pienamente comprendere la fragilità d’animo di Antonia Pozzi. Una fragilità che segnò tutta la sua breve vita terminata con un drammatico suicidio a soli 26 anni. Il culmine di una vita segnata da gravi delusioni amorose e da un grande talento incompreso per la poesia. La Pozzi provò a spiegare questa sofferenza in una lettera alla famiglia ma quello che fu considerato il peccato del suicidio fu pagato con la distruzione del suo testamento e la manipolazione paterna delle sue poesie. Versi che furono purtroppo pubblicati soli postumi ma che ancora oggi mantengono intatta la loro potenza.

La forza delle poesia di Antonia Pozzi

Alcune poesie di Antonia Pozzi, fonte BCT Biblioteche Civiche Torinesi

“La poesia ha questo compito sublime: di prendere tutto il dolore che ci spumeggia e ci rimbalza nell’anima e di placarlo, di trasfigurarlo nella suprema calma dell’arte, così come sfociano i fiumi nella celeste vastità del mare”

Così Antonia Pozzi scrisse in una lettera facendoci pienamente comprendere l’importanza, per lei vitale, della poesia. Questa è la sua più autentica forma di espressione che iniziò a coltivare a soli diciassette anni. Sin da subiti i suoi sono versi carichi di interiorità con cui affronta temi come l’amore, l’amicizia, il senso della vita e del suo destino. Poesie che impareremo conoscere solo dopo la sua morte con le sue raccolte poetiche intitolate “Parole”. La vita di Antonia Pozzi è stata infine raccontata nel film del 2016 “Antonia” di Ferdinando Cito Filomarino.

Stefano Delle Cave

Adv
Adv

Stefano Delle Cave

Stefano Delle Cave è scrittore, giornalista pubblicista e regista. Laureato magistrale in D.A.M.S. all’Università di Roma Tre. Gli articoli redatti da Stefano giornalista hanno per tema il cinema, la cultura e la società civile in genere.
Adv
Back to top button