Sport

Badminton, il cugino del tennis: come si gioca?

In questo approfondimento viene descritto in maniera dettagliata il gioco del Badminton. Vengono descritte anche le regole dello sport, lo strumento necessario per giocarci, ovvero il cosiddetto volano, che è il nome della palla con cui si disputa la partita. Per molti aspetti potremmo dire che eccetto alcune differenze, il Badminton ricorda lo sport del tennis, popolare in tutto il globo. Anche questa particolare disciplina, come il cugino più importante e famoso, viene praticato a livello mondiale.

Storia e regole del Badminton

Storia

Il badminton nasce in Inghilterra nella seconda metà dello scorso secolo, ma le sue origini sono antichissime. In Europa l’esistenza del gioco del volano è documentata ben prima del Rinascimento.
Intorno al 1860 le figlie del duca di Beaufort stavano giocando a racchetta e volano nel castello di Gloucestershire in Inghilterra e decisero di modificarlo un po’; aggiunsero una cordicella attraverso la sala tra la porta d’ingresso ed il camino, cercando di rilanciarsi il volano al di sopra della cordicella. Fu però successivamente in India che il gioco si sviluppò e presto divenne uno sport competitivo. Verso il 1870 il colonnello Selby predispose un codice di gioco che in quella parte del mondo venne accettato da tutti.

Il gioco continuò ad essere praticato in un campo a forma di clessidra, stretto al centro, come l’area di gioco della grande sala di casa nella città di Badminton. Successivamente, si sono susseguite diverse fasi nel corso dei secoli dove è andata sempre più aumentando la regolamentazione del gioco. In primis, nel 1893 nasce la prima Associazione Nazionale Inglese, poi nel 1934 nasce l’I.B.F. (Federazione Internazionale Badminton) e nel 1976 la Federazione Italiana Badminton. Dulcis in fundo, nel 1992 il Badminton viene presentato come disciplina olimpica a Barcellona.

Regole

Il Badminton è uno sport che si pratica su un campo abbastanza piccolo diviso a metà da una rete alta circa. La racchetta possiede corde di calibro minore rispetto a quelle per il tennis. Il volano ha una forma conica, può essere di materiali naturali o sintetici. Con la base in sughero ricoperta da un sottile strato di pelle. Se chi serve vince il punto, il suo punteggio aumenta di uno; se invece lo perde il punteggio rimane invariato, ma il servizio passa all’avversario. Tutte le partite si giocano di tre set a 15 punti, vince il punto chi effettua il servizio. Il cambio di campo avviene dopo ogni set.

Se chi serve non segna il punto il punteggio rimane invariato ma il servizio passa all’avversario. Il giocatore che deve effettuare il servizio inizia alla destra del campo e tira il volano in diagonale nel campo dell’avversario. Il servizio resta allo stesso giocatore fino a che questi non commette fallo. In caso di parità sul punteggio (es14-14), il giocatore che per primo ha raggiunto il punteggio può chiedere un prolungamento dell’incontro di 3 punti o decidere di continuare a giocare fino a 15.

Gabriele Viespoli

Seguici su Google News

Back to top button