Calcio

Barcellona, il club veleggia verso il fallimento?

Victor Font l’ha sparata davvero grossa. Secondo il candidato alla presidenza del club blaugrana, il Barcellona rischia il fallimento. Sì, proprio il Barcellona di Messi e Suarez, una delle società più vincenti degli ultimi anni. Attraverso una lettera inviata alla stampa, il leader del gruppo Si al futuro ha lanciato diverse bombe pronte a detonare sulla compagine spagnola. Il possibile futuro presidente ha attaccato anche Lionel Messi definendo i catalani “club vergognoso“. Parole che hanno fatto immediatamente il giro del mondo.

Barcellona in fallimento? La lettera di Font

Ecco le parole scritte nella lettera firmata da Victor Font:

“Per molto tempo abbiamo avvertito i membri della società che il club si sta avviando verso la tempesta perfetta. Se i rischi erano grandi, ora sono diventati giganteschi. Siamo nel mezzo di una pandemia che ha fermato il pianeta e avrà effetti in tutti i settori della vita, anche nello sport. Allo stesso modo, per mesi abbiamo assistito a una vergognosa escalation di crepe nel comportamento istituzionale del club, un processo che è culminato in questi giorni con accuse e gravi rimproveri tra i membri del consiglio di amministrazione, oltre a sei improvvise dimissioni. Il risultato è il pericolo di una bancarotta economica e morale verso cui il club si sta muovendo. Game over. Abbiamo vissuto la condanna del club per il caso Neymar. Aggiungiamo anche una politica sportiva irregolare, lo scioglimento del consiglio di amministrazione e la significativa riduzione delle entrate a causa della pandemia. La squadra inoltre è in guerra civile da molte settimane contro la proprietà, con Messi che ha avuto un’aspra disputa con Bartomeu riguardo al taglio degli stipendi e con Eric Abidal per le accuse ricevute in merito al licenziamento dell’ex allenatore Ernesto Valverde”.

Una vera e propria bomba che potrebbe scuotere il mondo intero. Le parole del candidato presidente avvicinano ancor di più Lionel Messi all’Inter e alla Serie A?

Seguici su Metropolitan Magazine  

Back to top button