Cultura

Bernardo Bertolucci | Un anno fa ci lasciava il grande regista italiano

Un anno fa se ne andava uno dei più grandi registi italiani di tutti i tempi. Stiamo parlando del maestro Bernardo Bertolucci, scomparso il 26 novembre del 2018. Stiamo parlando dell’unico italiano a cui è stato assegnato un premio Oscar alla regia, vinto con il leggendario film kolossal “L’ultimo imperatore”. Un film che ha segnato uno dei punti più alti della cinematografia di questo grande regista che mette spesso a confronto l’uomo con i grandi cambiamenti sociali e politici che lo circondano.

Basti pensare altri capolavori di Bertolucci come “Ultimo Tango a Parigi”, il film scandalo che ha distrutto il conformismo anni 70’ oppure ai mitico lungometraggio “Novecento”. Bertolucci ha insomma segnato per sempre la cinematografia del xx secolo e l’inizio del xxi coniugando l’arte cinema europeo con la grande produzione cinematografica americana, come dimostrano i successi di film come “Piccolo Buddha” e “The Dreamers”.

L’ultimo imperatore

Il 26 novembre nella storia

Il 26 novembre entra per la prima volta nelle cronache storiche nel 43 a.C. Quel giorno Ottaviano Augusto, Marco Antonio e Marco Emilio Lepido danno vita al cosiddetto secondo triumvirato. Facciamo un salto nel tempo fino al 26 novembre 1461, quando violento terremoto mette in ginocchio L’Aquila. 456 anni dopo, il 26 novembre 1917 l’esercito italiano conclude vittoriosamente la prima grande battaglia del Piave.

Il secondo triumvirato

Un 26 novembre importante è senza dubbio quello del 1922. Quel giorno Howard Carter entra nella tomba del faraone Tutankhamon rimasta inviolata per 3000 anni. Viene inoltre lanciato il film “Toll of the Sea”, il primo in Technicolor in due toni. 19 anni dopo, il 26 novembre 1941, sei portaerei giapponesi comandate dal viceammiraglio Chūichi Nagumo fanno rotta su Pearl Harbor dove verrà sferrato il drammatico attacco che fece entrare in guerra gli USA. L’anno seguente, il 26 novembre 1942, all’Hollywood Theater di New York va in scena la prima del mitico film “Casablanca”.

Casablanca

Il 26 novembre 1977 i telespettatori inglesi assistono alla cosiddetta interferenza di Vrillon con cui vengono interrotte per alcuni minuti le trasmissioni televisive per trasmettere un messaggio in inglese in cui si narra di una presunta civiltà aliena. 3 anni dopo, il 26 novembre 1980, iniziano le riprese del grande kolossal “Gandhi”. Torniamo in Inghilterra perché il 26 novembre 1983 vengono rubati 6.800 lingotti d’oro dal caveau della BrinksMat all’Aeroporto di Heathrow.

L’interferenza di Vrillon

Concludiamo la nostra rassegna storica con il 26 novembre 2008. Quel giorno, nell’attentato terroristico dei jihadisti di Mujahideen del Deccan a Mumbai, muoiono 195 persone e 300 restano ferite.

l’attentato di Mumbai

Nati oggi

Facciamo gli auguri a Pamela Prati e Paolo Ruffini. Oggi era anche il compleanno di Charles M. Schulz, il celebre fumettista inventore dei “Peanuts”.

I Peanuts

Andiamo nel mondo della musica e festeggiamo gli 80 anni di una delle canti pop più famose si sempre. Stiamo parlando di Tina Turner di cui ascoltiamo la bellissima canzone “The Best”.

The Best, Tina Turner

Morti oggi

Il 26 novembre 2016 se ne andava il rivoluzionario e dittatore cubano Fidel Castro che già da tempo aveva lasciato, perché malato, il potere al fratello Raul.

i funerali di Fidel Castro

Concludiamo la nostra rubrica ricordandovi che il 26 novembre 2003 è il giorno dell’ultimo volto di un aereo Concorde.

Black or White, Michael Jackson

Vi lasciamo ballare sulle note di “Black or White”, una canzone tratta dall’album “Dangerous” di Michael Jackson uscito il 26 novembre 1991.

Stefano Delle Cave

Stefano Delle Cave è scrittore, giornalista pubblicista e regista. Laureato magistrale in D.A.M.S. all’Università di Roma Tre. Gli articoli redatti da Stefano giornalista hanno per tema il cinema, la cultura e la società civile in genere.
Back to top button