Binotto: “Vedo Carlos Sainz come un leader”

binotto ferrari leclerc e sainz
Charles Leclerc & Carlos Sainz durante il GP di Suzuka 2019 – Photo Credit: F1 media

Alla vigilia del GP dell’Emilia Romagna, il Team Principal della Ferrari, Mattia Binotto, si rivela ai microfoni di Sky Sport F1. Una lunga intervista per parlare del passato, presente e futuro del team di Maranello e delle emozioni provate durante quella famosa chiamata fatta a Sebastian Vettel.

Mattia Binotto vede Carlos Sainz come un leader

Durante l’intervista ai microfoni di Sky Sport F1, Mattia Binotto si è focalizzato molto sul futuro del team Ferrari che sarà formato dalla giovane coppia Leclerc-Sainz jr.. Sui due giovani, Binotto, ripone tantissime speranze quasi come fosse l’unica ragione a cui appigliarsi in uno scenario che vede una Ferrari, sì in lento miglioramento, ma distante anni luce dai risultati che dovrebbe portare a casa. Queste le sue parole sulla futura coppia Ferrari:

“Charles entusiasma il tifoso, ma entusiasma anche noi internamente. Questo entusiasmo la sta trasmettendo alla squadra. Sarebbe piaciuto tantissimo a Enzo Ferrari perché ci sono delle caratteristiche simili a Gilles. I suoi team radio erano solo sfoghi. Verremo fuori da una stagione difficile. Carlos Sainz lo vedo come un leader, è uno che lavoro tantissimo e unisce il gruppo di ingegneri. Richiede sempre di più, anche se giovane ha già tanti anni di Formula 1 e se uno guarda al suo percorso e al suo modo di arrivare alla migliore prestazione è fatto di apprendimento. Sono fermamente convinto della scelta dei due piloti. Desiderata, voluta e credo i piloti siano l’ultimo dei nostri problemi”.

gp ungheria ferrari binotto
Sebastian Vettel durante il GP d’Ungheria – Photo Credit: F1 Official Twitter Account

Il discorso non poteva non toccare anche la tematica Vettel e quella famosa chiamata avvenuta tra il TP Ferrari ed il 4 volte campione del mondo:

“Quando ho avvisato Vettel della nostra scelta mi sono ripetuto tre volte nella testa cosa dirgli. La scelta non è stata facile perché di base vogliamo bene a Seb, per quello che è stato per come si è sempre comportato e per quello che ha dato alla nostra scuderia. Poi bisogna avere la lucidità di fare le scelte guardando al futuro, ed è su questi ragionamenti razionali che uno trova la forza per affrontare il team in modo trasparente. Non ha riattaccato, ma è una persona molto intelligente. Anche il modo con cui si sta comportando quest’anno, nelle difficoltà, mai negativo. È una persona di rispetto e rispettabile”.

SEGUICI SU:

INSTAGRAM: https://www.instagram.com/motors.mmi/
YOUTUBE: https://www.youtube.com/channel/UCigTTOEc6pPf3YtJMj9ensw
SPOTIFY: https://open.spotify.com/show/4r2r46o8ZTBOnjzPG7Hihw
PAGINA FACEBOOK: https://www.facebook.com/motors.mmi/
GRUPPO FACEBOOK: https://www.facebook.com/groups/763761317760397
NEWS MOTORI: https://metropolitanmagazine.it/category/motori-sport/

© RIPRODUZIONE RISERVATA