Pallavolo

Bonus Fiscale del 50%, Governo dice sì al Comitato 4.0

Lo scorso 14 agosto è arrivato il “” dal Governo per il Bonus Fiscale del 50% per chi sponsorizza squadre e atleti. Il provvedimento ha così accolto la richiesta avanzata dal Comitato 4.0. Tra i membri del comitato Mauro Fabris, presidente Lega Pallavolo Serie A Femminile e Massimo Righi, presidente Lega Pallavolo Serie A.

Bonus Fiscale, perchè nasce il Comitato 4.0

A fine maggio 2020 il mondo dello sport si è unito per cercare di arginare la profonda crisi economica portata dal Coronavirus. Tra i settori più colpiti troviamo lo sport. E così, alla vigilia delle iscrizioni ai vari campionati professionistici e non, è nato il Comitato 4.0. L’obiettivo era quello di portare l’attenzione del Governo sulla misura del credito d’imposta per le sponsorizzazioni sportive. Il 98% delle società prevedeva, infatti, una riduzione delle sponsorizzazioni e cioè del 40% dei ricavi. Non c’era più tempo. A giugno infatti, numerosi sponsor non avevano ancora confermato il proprio apporto per la stagione successiva. Così, alcune tra le squadre dei massimi campionati, hanno dovuto indietreggiare e salutare, almeno per quest’anno, la serie A.

Le principali leghe dello sport Italiano che formano il comitato sono: Lega ProLega Basket Serie ALega Pallavolo Maschile e Lega Pallavolo FemminileLega Basket FemminileLega Nazionale Pallacanestro e Fidal Runcard .

Bonus Fiscale
Photo Credit: Web

La bocciatura del Governo

A luglio il Governo dà la prima risposta alle società sportive. Arriva una netta bocciatura. E’ stata respinta dalla Commissione Bilancio della Camera dei Deputati la proposta del Comitato 4.0. Niente introduzione del credito d’imposta sulle sponsorizzazioni, per le aziende che sostengono le società sportive. Perchè le sponsorizzazioni erano tanto importanti? Perchè senza le entrate relative alla vendita dei biglietti, e quindi, enza la presenza del pubblico, i bilanci rischiano perdite consistenti. Una sconfitta per il Comitato, che commenta così la decisione del Governo :Siamo a rischio. Una battaglia di civiltà disattesa

Nel decreto Rilancio da 55 miliardi di euro approvato dal Cdm e presentato dal premier Giuseppe Conte, non sembrava volerci entrare lo Sport. Più di 15 milioni per le imprese, un reddito di emergenza a famiglie con Isee a 15mila euro, bonus vacanze, 1.4 miliardi per le università, 3.35 miliardi alla sanità e 210 milioni alla cultura. Dello sport, infatti, manco l’ombra!

Bonus Fiscale
Photo Credit: Web

La luce in fondo al tunnel

Nell’ultima settimana di luglio i presidenti delle Leghe sportive hanno incontrato il Ministro per le Politiche Giovanili e lo Sport Vincenzo Spadafora. Al centro del dibattito, durato due ore, le misure necessarie per sostenere le migliaia di società sportive la cui iscrizione alla prossima stagione è a rischio per i mancati flussi provenienti dalle biglietterie e dalle sponsorizzazioni. Al centro dell’interesse anche il tema sulla riapertura degli impianti sportivi al pubblico, l’utilizzo dei protocolli sanitari, la questione ‘quarantena‘ per atleti provenienti dalle zone rosse, la gestione dei ritiri e degli allenamenti. Il Ministro Spadafora avrà sentito il prepotente grido di allarme lanciato dallo Sport Italiano?

E così, dopo una lunga gestazione, lo scorso 14 agosto la buona notizia: un bonus fiscale del 50% per chi sponsorizza squadre e atleti. La misura è stata introdotta dal decreto agosto che prevede un credito di imposta sulle sponsorizzazioni, con un plafond di 90 milioni di euro. Il provvedimento ha dunque accolto le richieste del Comitato 4.0 Quella sul credito di imposta è stata una battaglia condotta non senza difficoltà, ma è stata vinta. Forse la strategia che ha portato alla vittoria è stata l’aver ragionato in una logica di sistema e su un progetto innovativo ed avanzato.

Seguici anche sulla nostra pagina Facebook e sulla nostra pagina Twitter!

Back to top button