Calcio

Calciomercato Fiorentina, corsa contro il tempo per Alvarez: cosa manca?

Ultimo giorno, ormai, per le trattative invernali di mercato. Poco meno di ventiquattro ore per cercare di migliorare la rosa delle squadre. Obiettivo: mettere una toppa sugli errori commessi nelle trattative estive o soddisfare le necessità emerse in questa prima metà di stagione. La finestra di riparazione è un vero e proprio incubo per tutti i direttori sportivi sparsi in giro per l’Italia e l’Europa: pochi giorni, calciatori su piazza limitati e riluttanza nel cedere, infatti, rendono poco semplice il lavoro degli addetti alle trattative. Il periodo pandemico governato dal Coronavirus, che ha ripreso vigore con la sua variante Omicron, rende ancor più complicata questa sessione così indecifrabile. Dalla Serie A alla Serie C (passando per gli altri campionati europei), tutti i club cercano di sondare il terreno delle trattative in cerca di occasioni per il presente o di colpi in vista di una futura programmazione. Nello specifico, il calciomercato della Fiorentina sfreccia contro il tiranno tempo per aggiudicarsi Agustin Alvarez: ecco cosa manca per brindare.

Calciomercato Fiorentina: un dettaglio per Alvarez

Dettagli mancanti. Tradotto: non è stata ancora trovata la quadra economica soddisfacente. Jorge Nirenberg, uno dei dirigenti del Penarol, si è intrattenuto ai microfono di Canal 10 per parlare della trattativa tra il club giallonero e la Fiorentina. Ecco le sue rivelazioni:

Il Peñarol vuole avere una percentuale significativa su una futura rivendita del calciatore. Questo ci garantirà altre entrate importanti. E’ un qualcosa che abbiamo molto chiaro e siamo in fase di negoziazione. Ne stiamo parlando”. 

Sembra, infatti, che il club sudamericano voglia inserire una percentuale sulla futura rivendita del 30% oltre ai 16 milioni di euro pattuiti per il cartellino del suo attaccante. La Fiorentina vorrebbe quantomeno dimezzare la percentuale spostandola al 15%. Si tratta, ma il tempo stringe sempre più.

Seguici su Metropolitan Magazine

(Credit foto – Penarol)

Back to top button