Attualità

La carica virale della variante Omicron: si rischia con un isolamento breve

Al momento la variante Omicron, identificata per la prima volta in Sudafrica, sembra essere la variante più diffusa in Italia e in Europa. La rapida propagazione di Omicron è dovuta alla sua maggiore trasmissibilità rispetto alle altre mutazioni del virus, come la recente variante Delta. Ciò che rassicura esperti e cittadini, è l’alto numero di vaccinazioni raggiunte a oggi, oltre alla limitata pericolosità della variante in sé. Come dichiarato da virologi dell’ospedale San Raffaele di Milano, Omicron colpisce prevalentemente le vie aeree superiori, come naso e faringe, risparmiando in parte i bronchi e i polmoni, dove si generano le patologie più gravi.

Omicron: i rischi di una quarantena breve

Sebbene le infezioni da Omicron producano meno ricoveri, Mike Ryan, il direttore esecutivo del programma Emergenze sanitarie dell’OMS, mette in guardia i Paesi sui rischi di un’eventuale riduzione della quarantena, con particolare riferimento alle norme previste per quelle persone che sono state in contatto con dei positivi. I primi a ridurre il periodo di isolamento sono gli Stati Uniti, seguiti dal Regno Unito, ma pressoché ovunque si cerca di snellire i periodi di quarantena, soprattutto per paura di ripercussioni economiche negative. Tuttavia, secondo un recente studio pubblicato dall’Università di Exeter, una persona su tre dei positivi a Omicron, sarebbe ancora infettiva dopo 5 giorni dal contagio. Dunque la linea di riduzione temporale che i governi di molti paesi vorrebbero adottare, potrebbe risultare controproducente, e ancora una volta, sembra che nella gestione della pandemia, gran parte dei risultati debba essere raggiunto tramite il buon senso individuale.

Michela Foglia

Seguici su Metropolitan Magazine

Back to top button