Tanti nomi sul taccuino di Gianluca Petrachi, il direttore sportivo dei capitolini. C’è necessità di sfoltire la rosa prima di immettere altri calciatori nella rosa di Paulo Fonseca.

Attesa ed attento studio delle pedine in gioco. Il calciomercato della Roma è molto simile ad una partita, tiratissima, di scacchi. Gianluca Petrachi, dirigente arrivato in estate dal Torino, sta analizzando ogni sfaccettatura della rosa dei capitolini insieme a mister Paulo Fonseca per capire come e dove intervenire. L’obiettivo è dichiarato da inizio stagione: arrivare tra le prime quattro in Serie A per centrare la qualificazione alla prossima Champions League.

I giallorossi hanno risposto bene, almeno in questa prima metà di stagione, alla rivoluzione estiva che ha fortemente modificato i connotati di una rosa che, non più tardi di qualche mese fa, non era riuscita ad arrivare nella competizione europea per club più importante accontentandosi, quindi, dell’Europa League. La sorella bella ma poco interessante della Champions League. Le buonissime prestazioni della banda Fonseca rendono ancor più ardua la scelta di Petrachi: come si può migliorare la rosa attuale per gennaio?

Cessioni ed acquisti: un intreccio da incastrare perfettamente nel calciomercato della Roma

La rosa della Roma è abbastanza ampia e, prima di prelevare nuovi calciatori, Petrachi dovrà piazzarne qualcuno nel calciomercato di “riparazione” di gennaio. L’argomento che attanaglia i sogni del direttore sportivo dei giallorossi è principalmente uno: reperire un vice Dzeko in grado di dare respiro al bosniaco. Purtroppo per il dirigente pugliese, la missione sembra essere davvero complicata. Almeno nel primo mese del 2020.

Nikola Kalinic non è intenzionato a lasciare Roma. O meglio: le richieste arrivate per le sue prestazioni sportive (Genoa, Spal e Bologna) non soddisfano il croato. Se il calciatore arrivato in prestito dall’Atletico Madrid non partirà da Trigoria, resterà il vice Dzeko. Anche perché il Real Madrid ha sparato altissimo per Mariano Diaz: 45 milioni di euro. Troppi. Petrachi lavora anche per il futuro: il dirigente ha messo nel mirino Jonathan David, calciatore di quel Gent accoppiato con i giallorossi ai sedicesimi di Europa League. L’attaccante haitiano naturalizzato canadese costa 20 milioni di euro. Se ne parlerà a giugno.

Calciomercato Roma

Difesa imbottigliata sul G.R.A.

Traffico al centro della difesa con tre/quattro calciatori da monitorare. Stile Grande Raccordo Anulare nell’ora di punta. Mert Cetin potrebbe essere mandato in prestito a giocare (Galatasaray e Serie A in pole), Juan Jesus continua a rifiutare la corte (come Pastore) di compagini di metà classifica mentre Florenzi, Santon e Bruno Peres sono troppi per un solo ruolo. Si cercano sistemazioni per l’ex Inter e Torino nonostante le dichiarazioni di facciata proferite da Petrachi. Senza dimenticare il caso Smalling: l’inglese vorrebbe restare nella capitale ma Roma e Manchester United devono trovare un accordo economico. Tutto rimandato a fine primavera?

L’ultimo capitolo, ma non per ordine d’importanza, riguarda la situazione di Under: il turco non ha fatto innamorare Fonseca (a differenza di Kluivert) e potrebbe terminare sul calciomercato. L’Everton di Ancelotti si è avvicinato ma la Roma chiede almeno 40 milioni di euro. Difficile si arriverà alla conclusione delle trattative in questo frenetico mese invernale. Tutto questo con il cambio di proprietà da Pallotta a Friedkin che aleggia sullo sfondo. Un’Epifania davvero movimentata…

LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI DELL’AUTORE

Pagina Facebook dell’autore

Account Twitter autore

Seguici su:

Pagina Facebook Metropolitan Magazine Italia

Account Twitter ufficiale Metropolitan Magazine Italia

© RIPRODUZIONE RISERVATA