Gossip e Tv

Carolina Marconi, chi è l’ex marito Salvatore De Lorenzis: “Mi picchiava”

Un matrimonio durato appena 8 mesi quello tra Carolina Marconi, ex concorrente del Grande Fratello, e Salvatore De Lorenzis, imprenditore di 46 anni. L’8 gennaio De Lorenzis è stato condannato a 20 mesi di carcere e a risarcire la ex moglie per 30mila euro con l’accusa di maltrattamenti in famiglia.

Lui è Salvatore De Lorenzis, un nome noto nel Salento: imprenditore di successo nel settore delle slot machine, amante della bella vita e soprattutto delle belle donne. Lei, Carolina Marconi la bellezza la incarnava sul serio. Il colpo di fulmine scoccato ad un evento dove l’ex concorrente del Grande Fratello era ospite come madrina, ha fatto il resto. L’amore nato all’improvviso, la proposta di matrimonio dopo “soli” quattro mesi di fidanzamento e le nozze, con rito civile, organizzate in appena nove giorni in una splendida tenuta dell’ottocento a Racale alla presenza di circa 200 invitati, sembrava a tutti una favola. Il lieto fine, però, non c’è stato. Sei mesi dopo, l’idillio era finito. La sensuale showgirl venezuelana sembrava diversa, lontana da quell’immagine di famme fatale che aveva ammaliato tutti dentro e fuori la casa più spiata d’Italia, così almeno era descritta nelle diverse interviste rilasciate ai giornali. Il motivo ufficiale, sembrava essere la troppa gelosia del marito, sfociata in una scenata in pubblico in un ristorante milanese.

Erasmo Marinazzo sul Quotidiano di Puglia scrive che i pm avevano chiesto per De Lorenzis 2 anni di carcere con le accuse di  maltrattamenti in famiglia, violenza privata ed appropriazione indebita:

“Dopo tre ore di camera di consiglio, il giudice Sergio Tosi ha sì condannato l’imprenditore ma ha ritenuto insussistenti le ipotesi di reato di appropriazione indebita e di violenza privata, per la Mercedes Classe E da 75mila euro che De Lorenzis trattenne dopo il rientro a Roma della consorte ed anche per le migliaia di euro di multe e di polizze assicurative notificate alla Marconi per infrazioni commesse dal marito.

Accuse precise e dirette quelle lanciate dagli avvocati nel processo tenutosi nell’aula-mignon “Cappuccilli 2” del Tribunale di Lecce. Alessandra Merenda, che difende la show girl con la collega Elena Garavaglia, ha attribuito all’impreditore salentino aggressioni fisiche, minacce, insulti ed un atteggiamento ossessivo scatenato da una incontenibile gelosia. Francesco Fasano, invece, ha sostenuto, che se qualche dissapore c’è stato, sarebbe inquadrabile nelle sole beghe coniugali. E che questo processo – ha detto ancora – si sarebbe dovuto tenere davanti ad un Tribunale civile invece che penale”.

I legali della Marconi durante il processo hanno parlato di

“comportamenti reiterati nel tempo, dall’ottobre del 2009 all’agosto del 2010 e narrati nelle denunce di febbraio, maggio, luglio ed agosto”.

Seguici su Google News

Back to top button