La vergine presidenza Morelli è pronta a rendersi protagonista di quella scalata che a Carpi attendono impazientemente da tempo.
Piazzati colpi importanti in uscita –Sarzi Puttini e Saric tra tutti- ora si pensa a risolvere la questione Vano e riformare l’organico per mister Pochesci.
Dall’Ascoli papabile tris di acquisti con Simone Andrea Ganz in cima ai desideri di società e tifosi.

L’Ascoli riempie le casse del Carpi

Da sempre nel mondo finanziario ad ogni cambio presidenziale susseguono rivoluzioni e sovvertimenti, positivi e/o negativi.
Il primo compito della nuova gestione, infatti, è quello di smantellare, riformare e ripartire; compito affidato ad Elio Signorelli neo-direttore dell’area tecnica biancorossa.
Grazie a quest’ultimo sono state portate a termine trattative in uscita dall’alto compenso economico.


Ufficializzate infatti le cessioni di Daniele Sarzi Puttini e Dario Saric all’Ascoli, per una cifra complessiva di 500.000 euro che comporranno il tesoretto di partenza per il mercato in entrata.
Inoltre da evidenziare le uscite di Saber Hraiech e Jeleniç al Padova, in un’operazione che potrebbe vedere coinvolto l’inserimento di Riccardo Serena; centrocampista classe ’96 sempre più vicino al Carpi.

Mercato in entrata: tris da Serie B

Come dicevamo in precedenza l’interscambio tra Carpi ed Ascoli rappresenterebbe un’importante pedina di mercato per ambo le parti.
La società marchigiana, infatti, per far fronte ad i nuovi acquisti dovrà obbligatoriamente limare il numero effettivo di tesserati.
Ecco il motivo per il quale Giacomo Beretta e Diogo Pinto sarebbero ad un passo dall’approdare in casa biancorossa.

Il primo, ex Milan ed in cerca di riscatto, avrebbe già accettato il passaggio ad una serie minore che gli garantirebbe però maggiore minutaggio.
Il portoghese classe ’99, invece, finirebbe al Carpi in prestito secco in modo da tornare in bianconero a fine stagione.
Ma la notizia che avvolge la piazza sportiva carpigiana nelle ultime ore è quella inerente ad un probabile approdo di Simone Andrea Ganz alla corte di Pochesci.


Il mister ha delineato ed indicato il profilo dell’ex Milan e Como come papabile sostituto nel caso in cui la società dovesse far fronte alla cessione del bomber Michele Vano.
L’idea di Signorelli, ad oggi, è quella di chiudere anticipatamente per il figlio d’arte e cercare di desistere alle numerosissime richieste per Vano, oramai sul piede di partenza da inizio sessione.
Il clima al Sandro Cabassi muta di giorno in giorno; la piazza ha bisogno di una reazione per rincorrere il ritorno in A che non può rimanere un ricordo onirico nella mente dei tifosi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA