Si comincia, finalmente. Oggi alle ore 15, ai Marmi, andrà in scena la gara d’esordio della stagione 2020/21 del campionato di Serie C tra Carrarese e Pro Patria. L’assocalciatori ha revocato lo sciopero indetto per la prima giornata di campionato, pur mantenendo lo stato di agitazione. Si tratta quindi di una presunta tregua che comunque ha reso disponibile l’inizio della stagione 20/21 in questo weekend. La linea per ora è chiara: la volontà è quella di giocare.

L’unica cosa che rimane da capire e se saranno effettivamente allargate le rose da 22 a 24 giocatori (più un calciatore 2001) e se sarà confermata la possibilità di cambiare un tesserato infortunato con qualcuno che non era inizialmente compreso nella lista.

Ora però si torna a parlare soprattutto di campo e di calcio giocato. La Carrarese arriva alla gara di questo pomeriggio dopo aver vinto in Coppa Italia contro i dilettanti dell’Ambrosiana. L’avversario è uno di quelli difficili: la Pro Patria di Javorcic. A rendere ancora più complicato questo impegno sono le possibili assenze in casa Carrarese, sicuramente out per squalifica Foresta, Caccavallo e Imperiale. Agli squalificati si aggiungono i nuovi arrivati Doumbia, Luci e Borri che non sono ancora al 100% della condizione fisica.

Le scelte per mister Silvio Baldini sono molto limitate per la gara d’esordio. La Carrarese dovrebbe scendere in campo con Mazzini in porta, Grassini, Rota, Murolo, Ermacora nella linea a 4 difensiva. Pasciuti e Agyei in mezzo con Calderini e Pavone sulle corsie laterali per completare il reparto di centrocampo e davanti Schirò dietro a Infantino.

Dopo l’esordio con la Pro Patria, la Carrarese tornerà a giocare in Coppa Italia facendo visita al Venezia prima della seconda giornata di campionato.

LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI DELL’AUTORE

Pagina Facebook dell’autore

Account Twitter dell’autore

Seguici su:

Pagina Facebook Metropolitan Magazine Italia

© RIPRODUZIONE RISERVATA