La week 7 si è appena conclusa e si può dire che è stata veramente elettrizzante. Il match su cui puntare i riflettori però è quello che ha visto i Packers sovrastare i Raiders, domenica sera, ma soprattutto sul veterano Aaron Rodgers.

A Green Bay infatti il punteggio si è fermato a 42, contro i 24 totalizzati dai Raiders di Jon Gruden. Ma che cos’ha combinato Rodgers in questa partita?

Nei primi minuti del match era sembrato che Rodgers avesse il peggior gruppo di ricevitori mai avuto prima in carriera. Era infatti quantomeno plausibile che il gioco dei Packers si sarebbe sviluppato principalmente sulle corse dei Running Back. Questo a seguito di alcuni dubbi sui ricevitori che i Packers avevano a disposizione prima del match.

La storia però è andata diversamente, perché Aaron Rodgers ha giocato il match del secolo. Il Quaterback ha infatti lanciato 25 su 31 passaggi, per 429 yards e 5 TD. E’ stata la sua prima partita completa con un passer rating così perfetto, oltre che per i numeri da HOF in carriera per quanto riguarda le “average yards per attempt” (13.8) e “average adjusted yards per attempt” (17.1).

La cosa più curiosa però è che Rodgers ha lanciato per tutti i ricevitori a disposizione. Ha completato infatti almeno 2 passaggi per 8 ricevitori diversi. Cinque ricevitori hanno inoltre segnato almeno 1 TD ed Allison avrebbe potuto portare a casa il sesto se non fosse arrivato poco prima delle EndZone.

Non possiamo dire che Rodgers sia sembrato intoccabile, ma possiamo dire che sia stato a tutti gli effetti “al comando” della squadra.

Talmente al comando che uno dei suoi passaggi, verso il FullBack Danny Vitale, è stato eseguito in 0,68 secondi, che è praticamente impossibile da fare, a meno che tu non sappia già dove andrà il giocatore prima ancora di prendere palla allo snap.

Vedremo dunque se contro Kansas City all’Arrowhead Stadium saprà ripetere questa prestazione con la P maiuscola ed aumentare la striscia positiva di vittorie!

Leggi anche: Gardner Minshew è il rookie dei recordIl ritorno di Melvin Gordon

Immagine in copertina: Getty