MetroNerd

Chi sono le donne che hanno ispirato La Sirenetta?

La Sirenetta è senza dubbio una delle principesse Disney più riconoscibili, in gran parte grazie alle caratteristiche combinate delle quattro donne che hanno ispirato il design di Ariel. Basato sull’omonimo libro di Hans Christian Andersen, La Sirenetta del 1989 è uno dei film più popolari della Disney.

Ariel e le donne dietro la Sirenetta: storia di coraggio, sacrificio e amore

Coraggio, sacrificio e ricerca del “bacio del vero amore” è un po’ il riassunto di questa favola, che rimane una delle migliori fiabe di principesse della Disney: ma possiamo anche dire che è la stessa fisicità di Ariel ad essere, forse, la più memorabile.

I suoi espressivi occhi blu, gli iconici capelli lunghi e rossi che sembrano sempre perfettamente acconciati nonostante siano bagnati. Il nuovo libro di Emily Zemler, Disney Princess: Beyond The Tiara spiega che “l’imitatore e leggenda Disney Glen Keane, che è stato in gran parte responsabile del look di Ariel” ha tratto ispirazione per questi e altri elementi del design di Ariel da quattro donne: sua moglie Linda, la modella Christie Brinkley, l’attrice Alyssa Milano e la comica Sherri Stoner.

Chi c’è dietro Ariel? Brinkley, Milano e Stoner

La Brinkley e la Milano hanno contribuito in larga misura al design unico della principessa. Icona di stile degli anni ’70 e ’80, la Brinkley era nota per la sua voluminosa “frangetta a cascata”, la tipica frangia di Ariel. Sebbene non sia stato confermato, è anche possibile che i suoi occhi blu abbiano abbiano ispirato quelli di Ariel. La Milano, che era una popolare starlette adolescente all’epoca delle prime fasi del film, ha probabilmente ispirato i lineamenti giovanili e femminili del viso di Ariel. Come la Brinkley, anche la Milano portava lo stesso tipo di capelli grossi anni ’80 che si riflette nella stilizzazione di Ariel. Dal punto di vista della personalità, Ariel è ritratta come una ragazza vivace, gentile e curiosa. Sebbene sia difficile sapere con certezza in che modo Linda, la moglie di Keane, abbia ispirato Ariel, è probabile che il suo amore e la sua simpatia per lei si siano tradotti in questa incantevole caratterizzazione.

Per quanto riguarda la fisicità di Ariel, Stoner è stato ingaggiato per “aiutare a guidare i movimenti dei personaggi… eseguendo le scene di Ariel in studio con la telecamera”. Gli animatori dei film in 2D della Disney “stamparono minuziosamente ogni sesto fotogramma della pellicola per studiarla mentre mimava una colonna sonora preregistrata su un palcoscenico spoglio” e in grandi vasche d’acqua, come riportato da Cartoon Research. “Il volto di Sherri è molto cartoonesco. I suoi occhi, molto grandi, sono più che semplici occhi. Le sue mani e le sue dita espressive… sono ancora più emotive dei suoi occhi”, ha spiegato Keane spiegando il contributo di Stoner. Stoner ha aggiunto: “Fornisco piccole stranezze e idiosincrasie, tratti della personalità che si aggiungono al personaggio… Mi vedo sicuramente dietro il personaggio e gli amici dicono che riescono a riconoscere facilmente il mio sorriso e i miei gesti delle mani”. Date le caratteristiche e i movimenti di Ariel nel film, è chiaro come queste quattro donne, Keane e il talentuoso staff della Disney abbiano contribuito al design iconico di Ariel.

Seguici su Google News

Arianna

Classe '93, viene adottata dalla Capitale nel 2012. La passione per la scrittura l'ha portata qui su InfoNerd. Tra anime, manga, serie tv, musica, cinema, ama tutto ciò che sia Arte.
Back to top button