Sport

Coronavirus-golf: la FIG presenta una bozza per ripartire

La Commissione federale istituita per l’emergenza Coronavirus in relaziona al golf ha redatto una bozza di linee guida da presentare alle autorità competenti. Obiettivo: riaprire i centri sportivi.

Coronavirus e golf: la bozza della FIG

Il DPCM del 26 aprile consente l’attività sportiva individuale senza limiti di distanza rispetto alla propria abitazione, così favorendo la possibilità di esercitare l’attività golfistica e la possibilità di allenarsi per atleti professionisti e non, essendo però questi ultimi riconosciuti di interesse nazionale dal CONI e dalla rispettiva Federazione.
L’ambiguità del testo ha portato la FIG a richiedere di specificare con precisione le posizioni prese sugli sport individuali, sia in ambito amatoriale sia professionistico.

I 7 punti della bozza

Tra i diversi temi trattati nella bozza che verrà presentata alle autorità competenti riportiamo quelli che più incideranno sulla quotidianità di ogni golfista:

1) A tutela dei giocatori tesserati FIG, i Circoli affiliati e aggregati (per attività sia agonistica sia amatoriale) sono tenuti ad adeguare il proprio documento di Valutazione dei Rischi (DVR) in conformità alla normativa vigente in materia, definendo procedure e protocolli operativi di contrasto al rischio biologico in atto, anche a tutela della sicurezza sul lavoro

2) Le attività e le modalità di fruibilità degli spazi sociali (spogliatoi e aree comuni), delle aree di allenamento (campo pratica, putting e pitching green), delle attività commerciali (ristorazione, pro-shop ed altre) e le operazioni di segreteria/front desk, oltreché definite nel DVR aggiornato, dovranno svolgersi nel rispetto e in conformità alla normativa in vigore e successive modifiche.

3) I circoli, oltre a quanto normato dalla FIG, disciplineranno sotto la propria responsabilità il comportamento dei giocatori nell’ambito delle strutture in relazione alle specificità dei singoli impianti, in ottemperanza a quanto previsto nei rispettivi DVR e in conformità a quanto previsto dalle normative e prescrizioni delle competenti Autorità Nazionali e Locali.

4) I giocatori e frequentatori del Circolo dovranno svolgere l’attività sportiva golfistica con atteggiamento socialmente responsabile nei comportamenti individuali.

5) I giocatori dovranno garantire il rispetto delle misure di prevenzione sanitaria e di distanziamento sociale previste dai provvedimenti delle Autorità nazionali e Locali.

6) La commissione, istituita ad hoc per l’emergenza sanitaria da Coronavirus, ha identificato quali fattori potenziali di rischio sul campo qualsiasi equipaggiamento che non sia il proprio e qualsiasi altro oggetto con cui i giocatori possano entrare in contatto.

7) Per garantire la pratica del golf in totale sicurezza dei tesserati a tutti i livelli la Commissione ha recepito il documento redatto dal Comitato Regole e Campionati e dal Comitato Handicap e Course Rating con regole, raccomandazioni e indicazioni tecniche per il gioco del golf nelle giornate di allenamento e nelle partite amichevoli, nonché durante lo svolgimento delle gare di circolo, compatibilmente con le normative vigenti in tema di ripresa delle attività e a mitigazione delle criticità evidenziate.

Coronavirus Golf
Il testo completo dei 7 punti pubblicati sul sito della Federazione
Photo Credits:

La FIG si sta muovendo con celerità per la ripresa del golf, il DCPM però lascia ancora della zone d’ombra: ad esempio sui modi e le possibilità di raggiungere o meno gli impianti sportivi. La Commissione sta lavorando e la sensazione che il golf stia per riprendere si fa sempre più forte.

Per rimanere aggiornati seguite la Nostra Pagina Facebook
Per leggere la bozza completa cliccare qui

Back to top button