Dakar

Danilo Petrucci passa alla Dakar 2022: “Desideravo farla sin da bambino”

La Ktm ha annunciato che il pilota Danilo Petrucci passerà dalla MotoGP alla Dakar 2022. Il ternano avrà tempo un mese per prepararsi e passare dalla pista alle dune.

Il sogno di Petrucci

Danilo Petrucci passerà alla sabbia della Dakar 2022 lasciando la MotoGP con 10 podi e 2 vittorie. Un sogno che si realizza per il pilota ternano che ha dichiarato: “Per me correre la Dakar è davvero un sogno che si avvera. È una cosa che ho sempre voluto fare, quando ero bambino guardavo le videocassette della Dakar degli Anni 80 e 90. Ora, grazie a Ktm, questo sogno si sta avverando“. Appena finita la MotoGP, Petrucci avrà un mese di tempo per allenarsi e farsi trovare pronto per il 1 gennaio e correrà sempre con Ktm. “Penso sarò l’unico pilota che in poco più di un mese ha gareggiato in MotoGP e poi alla Dakar. Per me è un orgoglio“, ha detto soddisfatto Danilo che, pertanto, correrà la Dakar in Arabia Saudita in un percorso di 8mila chilometri della durata di 14 giorni.

Jordi Viladoms sarà al suo fianco

Al suo fianco nella nuova avventura sulle dune sarà presente Jordi Viladoms, ex pilota ed esperto in materia. “Abbiamo iniziato con un allenamento road book e lui mi ha aiutato molto a capire le dinamiche di questa disciplina“, spiega Petrucci. “Ho già avuto un assaggio della Ktm 450 rally di recente con i campioni della Dakar. Vederli guidare è stato bello e si sono dimostrati disponibili nei miei confronti. Spero che la preparazione di un mese possa bastare. Il mio obiettivo è quello di finire la gara e godermela“. Anche il direttore della Ktm Pit Beirer ha promosso e incoraggiato la scelta di Petrucci: “Danilo è uno dei pochi ragazzi di livello élite che crediamo possa fare questo passaggio radicale dall’asfalto alle dune“, ha sottolineato Bierer che poi ha concluso: “Vogliamo ringraziarlo per la sua professionalità e tutti i suoi sforzi nel nostro progetto Moto GP e ora è tempo per un’altra sfida“.

Lorenzo Tassi

Seguici anche su https://www.facebook.com/metropolitanmagazineitalia

Back to top button