Attualità

Decreto Rilancio, come funziona il bonus vacanze 2020

Bonus vacanze 2020: 500 euro di bonus, come funziona e a chi spetta. Si chiamerà Rilancio il nuovo decreto di maggio che conterrà le misure per aiutare l’economia del nostro Paese a rialzare la testa sostenendo famiglie e imprese.

Per sostenere il turismo arriva il bonus vacanze 2020 che aiuterà le famiglie a poter partire.

La norma è stata proposta dal Ministero per i Beni, le Attività culturali e per il Turismo (Mibact). Il bonus vacanze 2020, per un massimo di 500 euro, funzionerà, stando a quanto trapela sulla bozza di decreto, su due diversi binari: per il 90% sarà uno sconto anticipato dagli alberghi o dagli altri operatori turistici (campeggi, residence e via dicendo), mentre il 10% sarà riconosciuto come detrazione nella dichiarazione dei redditi.

Gli utenti potranno godere immediatamente di una riduzione del prezzo del soggiorno, mentre l’operatore turistico sarà rimborsato sotto forma di credito d’imposta da utilizzare in compensazione, che potrà essere ceduto anche a fornitori di beni e servizi, soggetti privati, banche o intermediari finanziari. “Abbiamo scelto le strutture ricettive – ha detto il ministro per il Turismo Dario Franceschini al Senato – perché devono comunicare entro 24 ore i dati anagrafici dell’ospitato alla questura e pagare la tassa di soggiorno. Questo assicura l’assoluta trasparenza dell’utilizzo del credito di imposta”.

Coronavirus, bonus vacanze 2020: a chi spetta, limite di reddito e cifra

Per questa misura, secondo la bozza del decreto maggio, potranno fare domanda le famiglie con un reddito medio-basso e un Isee sotto i 35.000 euro. La cifra massima sarà di 500 euro e secondo le ipotesi attuali andrà alle famiglie più numerose, 300 euro alle coppie senza figli e 150 euro ai single. Il bonus sarà riconosciuto a un solo componente per nucleo familiare. Si potrà usare dal primo luglio al 31 dicembre, quindi sia per le vacanze estive, sia in bassa stagione sia per parte di quelle di Natale.

Back to top button