Esteri
Trending

Donazioni Ucraina: chi sono gli sportivi che stanno aiutando l’Ucraina

Arrivano nuove donazioni per l’Ucraina. Andy Murray, il tennista britannico, ha deciso di devolvere all’UNICEF tutte le vincite dei tornei del 2022. David Beckham ha invece aperto una raccolta fondi, versandovi quasi 2 milioni di dollari.
Dalla Ferrari arriva un milione di euro per i profughi e anche l’ex campionessa russa Maria Sharapova si è schierata al fianco dei bambini coinvolti nella «crisi».

La prima mossa è di Andy Murray

Andy Murray Tutte le vincite della stagione, in beneficenza. La decisione di Andy Murray, ex numero uno del tennis mondiale, ha comunicato la notizia di voler donare tutte le vincite della stagione in beneficienza, con un post sul suo profilo Twitter. Questo ha dato un forte segnale in tema di aiuto, e ha risvegliato la solidarietà di tanti altri sportivi.
«Donerò tutti i miei premi in denaro del 2022. Chiunque nel Regno Unito può sostenere l’azione umanitaria dell’UNICEF rispondendo al nostro appello», ha aggiunto Murray, invitando i fan a supportare l’iniziativa, soprattutto per aiutare i bambini ucraini.
Stessa richiesta viene da David Beckhamambasciatore del Fondo dell’ONU per l’infanzia: «Madri costrette a fuggire con i loro bambini. Famiglie divise. Ragazzi portati via dai loro letti», ha riferito l’ex-calciatore. «La guerra va avanti, i bisogni delle famiglie stanno aumentando e adesso 7,5 milioni di bambini sono in pericolo. Il mio 7 Fund per l’UNICEF sta istituendo un’azione d’emergenza per offrire un aiuto immediato, fornendo spazi sicuri e forniture mediche».
I Beckham avrebbero quindi aperto una raccolta fondi con una donazione di quasi 2 milioni di dollari.
Anche la Ferrari ha donato un milione di euro per i profughi in fuga dai luoghi del conflitto.
«Non possiamo rimanere inermi di fronte alle sofferenze dei civili colpiti», ha dichiarato Benedetto Vigna, ad della casa di Maranello. «Siamo pronti a fare la nostra piccola parte al fianco delle istituzioni che portano sollievo concreto al dramma umanitario».

Donazioni per l’Ucraina anche dalla Russia

Anche la campionessa russa Maria Sharapova, aggira la censura di Putin e lancia un messaggio di pace. «Ogni giorno che passa, ho il cuore sempre più spezzato dalle immagini e dalle storie di famiglie colpite da questa crisi», ha scritto, evitando appunto le parole vietate da Vladimir Putin, come “guerra”.
«Sto facendo una donazione a Save The Children, un’organizzazione che lavora instancabilmente per fornire cibo, acqua, e kit a sostegno dei bisognosi. Unitevi a me». Questo l’appello della Sharapova.

Beatrice D’Uffizi

Instagram: https://www.instagram.com/metropolitanmagazineit


Back to top button