Cronaca

Dora Lagreca, la famiglia: ‘La vita ti è stata tolta presto’

I familiari di Dora Lagreca: 'Incoraggiavi ad affrontare la vita con più spensieratezza'

I familiari di Dora Lagreca non credono all’ipotesi di suicidio della 30enne. Lo rendono noto tramite una lettera mostrata nel corso dell’ultima puntata di Quarto Grado. Nella missiva, indirizzata alla povera ragazza, i cari di Dora fanno notare come la vita le sia stata tolta troppo presto. La famiglia di Dora ricordano inoltre come quest’ultima aveva la capacità di incoraggiare ad affrontare la vita in maniera più spensierata. Dora, originaria di Salerno, ha perso la vita cadendo dal quarto piano di un appartamento di Potenza. Nel frattempo, le indagini vanno avanti.

Dora Lagreca, i familiari: ‘Sempre solare’

Antonio Capasso, fidanzato di Dora Lagreca, risulta essere indagato per istigazione a suicidio. Tornando alla lettera redatta dai famigliari della vittima, nelle prime righe del messaggio la 30enne viene descritta come “sempre solare, con la battuta pronta, piena di energia e di vita” e inoltre: “Incoraggiavi tutti ad affrontare la vita con più spensieratezza, a vivere ogni attimo, a nutrire le passioni. Tu di passioni ne hai coltivate tante. Ultima la motocicletta che non hai avuto il tempo di goderti, anche se per noi resterai per sempre un pilota della vita, quella vita che ti è stata tolta troppo presto”.

Le indagini proseguono

Nel frattempo, proseguono le indagini per fare luce sulla sulla morte di Dora Lagreca, avvenuta durante la notte tra venerdì e sabato scorso. Poche ore prima della tragedia, la donna aveva partecipato alla festa di laurea di un’amica. A testimoniarlo i video condivisi dalla stessa vittima sui suoi proifili social, sempre molto aggiornati. La ragazza è morta cadendo dal balcone dell’appartamento del suo fidanzato Antonio Capasso. La 30enne ha fatto un volo di dodici metri. È stato lo stesso compagno a chiamare i soccorsi poco dopo la caduta.

Adv
Adv

Marco Della Corte

Da sempre amante del giornalismo, ho frequentato il liceo classico Agostino Nifo a Sessa Aurunca, per poi iscrivermi al dipartimento di Lettere e Beni culturali dell'università Luigi Vanvitelli a Santa Maria Capua Vetere. Sono laureato in Filologia classica e moderna e iscritto regolarmente all'ODG Campania come pubblicista. Esperto di cronaca nera, sono cresciuto a pane e 'Chi l'ha visto?'. Per il resto sono un semplice (e appassionato) docente di materie umanistiche alle superiori.
Adv
Back to top button