Metropolitan Today

Epifania, tra fede religiosa, leggende e tradizione popolare

Benvenuti nel viaggio del tempo di Metropolitan Today. Questo nuovo viaggio nel tempo comincia dall’antichità e arriva al mondo moderno. Parleremo di re magi, vecchiette, scope e calze piene di regali e dolciumi. In occasione del 6 gennaio abbiamo deciso di dedicare questa puntata alla festa dell’Epifania e alla sua tradizione.

L’Epifania nel mondo cattolico e nella tradizione popolare

L’Epifania è innanzitutto nata come festa cattolica. Essa si celebra il 6 gennaio in ricordo dell‘adorazione dei tre Re Magi Baldassarre, Melchiorre e Gasparre che portarono in dono rispettivamente oro (omaggio alla sua regalità), incenso (omaggio alla sua divinità) e mirra (anticipazione della sua futura sofferenza redentrice). È una festa di precetto che indica la manifestazione del Signore al mondo chiudendo il periodo natalizio . Una festa entrata con il tempo dell’immaginario popolare che vede questo giorno come quello della Befana, l’anziana e brutta signora che porta in dono regali su una scopa.

Questa vecchietta entrata nell’immaginario di tutti i bambini, secondo la leggenda cristiana, era una donna anziana incontrata dai Magi durante il viaggio verso Betlemme che si rifiutò, nonostante un invito, di accompagnarli da Gesù. Pentitasi la donna decise di portare regali ad ogni bambino nella speranza di ritrovare Gesù. Seconda la tradizione più popolare è semplicemente la moglie di Babbo Natale che porta in dono regali e calze di dolciumi ai bambini buoni. Ai piccoli invece che non si sono comportati bene durante l’anno vengono riservati calze con carbone e aglio.

Le origini della Befana, fonte Centro Studi e Ricerche C.T.A.102

Altre ricorrenze importanti

Continuiamo il nostro viaggio in tempo con il 6 gennaio 1838. Quel giorno Samuel Morse esegue con successo il primo test sul telegrafo. Parliamo ora di musica classica perchè il 6 gennaio 1870 il Musikverein, una delle sale da concerto più eleganti al mondo, viene ufficialmente inaugurata a Vienna. 26 anni dopo, il 6 gennaio viene 1896 viene proiettato per la prima volta in pubblico L’arrivo di un treno alla stazione di La Ciotat “di Auguste e Louis Lumière. Secondo la leggenda durante il film gli spettatori fuggirono spaventati temendo di essere travolti dal treno in corsa.

Facciamo ora un salto nel mondo dell’insegnamento perchè il 6 gennaio 1907 Maria Montessori aprì la prima scuola e centro di cura per le famiglie degli operai di Roma. 4 anni dopo, il 6 gennaio 1911 la nazionale di calcio italiana indossò per la prima volta la maglia azzurra. L’azzurro fu poi adottato per tutte le nazionali italiane. Il 6 gennaio ma del 1931 è invece noto per essere il giorno in cui Edison richiese il suo ultimo brevetto. Concludiamo il nostro viaggio nel tempo con il 6 gennaio 1980. In quel drammatico giorno l’allora presidente della regione Sicilia Piersanti Mattarella fu assassinato dai killer di Cosa Nostra.

Stefano Delle Cave

Stefano Delle Cave

Stefano Delle Cave è scrittore, giornalista pubblicista e regista. Laureato magistrale in D.A.M.S. all’Università di Roma Tre. Gli articoli redatti da Stefano giornalista hanno per tema il cinema, la cultura e la società civile in genere.
Back to top button