F1 GP Canada: le pagelline di Metropolitan Magazine

Il primo Gran Premio nel Nuovo Mondo ci ha regalato tante emozioni. Il Canada, terra delle Giubbe Rosse, delle marmotte e dei piloti infallibili, andiamo a scoprire i voti da 10 a 0, dati a piloti e non!

VOTO 10 A S. VETTEL: Il tedesco, il Piccolo Kaiser, ha regalato alla Ferrari la vittoria in Canada, vittoria che non trovava da ben 14 anni. Ultimo prima di lui un altro tedesco, il grande Michael Schumacher! Il ragazzo, il primo della classe, ha studiato e l’ha fatto bene. Così tanto, da ottenere la sua cinquantesima vittoria, successo ottenuto con la Rossa.

blank
Sebastian Vettel 50° successo – fonte: instagram f1 page

VOTO 9 A V. BOTTAS: Per l’ennesima volta quest’anno, il finlandese della Mercedes riesce ad essere più forte del suo compagno di squadra campione del mondo – a differenza del proprio connazionale – Bottas quest’anno ha quella marcia in più che manca a Ginetto.

VOTO 8 A M. VERSTAPPEN, 1 PER LE RISPOSTE IN CONFERENZA STAMPA: Mad Max quando è arrabbiato non va a muro, ma porta la macchina a casa! L’ha dimostrato proprio in questo week-end, facendo segnare sempre il suo nome al primo posto delle Prove Libere. Poi, terzo posto in qualifica e gara. E’ questo il Verstappen che piace a noi, bravo così! Per quanto riguarda il comportamento con la stampa, cerca di non somigliare a papà, sù! Rispetto.

VOTO 7 A N. HULKENBERG: Non se lo fila mai nessuno questo povero ragazzo, ma lui fila sempre. Per chi cerca un pilota consistente senza fronzoli, veloce e tenace, beh un tesoro ambulante. Peccato che sul fronte comunicazione sia peggio di un paracarro.

VOTO 6 A D. RICCIARDO: Dopo la vittoria di Monaco non ci aspettavamo di certo un altro successo, ma in questa gara l’australiano è stato un pò anonimo. Dovrà smaltire la “sbornia principesca”? Chi lo sa. Oggi non ha convinto.

blank
D. Ricciardo in gara, risultato non dei migliori – fonte: redbullracing facebook pagey

VOTO 5 A L. HAMILTON: Ginetto oggi è passato da +14 a -1 in un colpo solo. E’ stato nervoso e impreciso, persino un po’ presuntuoso (più del solito). Quando sbaglia Vettel gli facciamo volentieri le pulci. Ma nemmeno Ginetto è impeccabile, con tutto il repertorio di cui dispone. Sveglia stella mia, questo è un anno più difficile di altri!

VOTO 4 A K. RAIKKONEN: Un Kimi molto deludente questo weekend. Sbaglia in qualifica dove non dovrebbe, non prende Hamilton con auto inferiore e motore ormai al limite ed infine, ancora una volta, si ritrova alle spalle del compagno di squadra. Non ti sei di certo giocato il rinnovo, però non sei sulla strada giusta per ottenerlo.
blank
Kimi Raikkonen durante le qualifiche di sabato, si qualificherà sesto in gara – fonte: scuderia ferrari facebook page

VOTO 3 A B. HARTLEY: Ha fatto male fino in Spagna certo, io stesso gli ho dato voti bassissimi ma, a Monaco ed oggi in Canada, si è dimostrato nettamente superiore a Gasly. Purtroppo la fortuna non gli è vicina in questo periodo. Speriamo solo che non si arrendi!

VOTO 2 ALLA McLAREN: Mettere assieme una festa del genere per festeggiare il GP numero 300 di Alonso è come sostituire la panna montata con la schiuma da barba nei profiteroles. Peccato, caro Fernando. Comunque, per me, voto dall’8 in su, a vita. Un guerriero.

VOTO 1 A L. STROLL: Vede Hartley e tiene la macchina stretta per non stringerlo al muro, o almeno cerca.. Purtroppo non ci riesce, e fa una gaffe enorme in casa, sotto gli occhi di mamma, papà e sorella. Insomma, questo ragazzo ha un margine di crescita, pari alla velocità che un bradipo impiega per scendere dall’albero. 

VOTO 0 ALLA DIREZIONE GARA: che ha messo in mano la bandiera a scacchi alla celeberrima modella Winnie Harlow. Morale: traguardo annunciato con un giro di anticipo. Beh, certo lo spettacolo ci guadagna. La prossima volta distribuire bandiere a scacchi a un tot di star e liberarle lungo il percorso al grido: fate il cinema che vi pare.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA