Fausto Gresini, “condizioni fragili ma in miglioramento”

Continua nel silenzio la battaglia tra Fausto Gresini e il Covid-19, mentre dall’ospedale Maggiore Carlo Alberto Pizzardi di Bologna arriva un nuovo bollettino medico sulle condizioni del manager imolese. Dopo la ricaduta dello scorso 17 gennaio, dal centro medico bolognese arrivano ora nuove notizie positive sullo stato di salute di Fausto che rimane “fragile ma in progressivo miglioramento“.

Fausto Gresini, piccoli passi in avanti

Nell’ultimo bollettino, il dottor Nicola Cilloni torna a parlare di piccoli, ma significativi passi in avanti, sebbene le condizioni di Fausto restino gravi. Queste le parole del dottor Cilloni nel comunicato ufficiale diffuso dal team Gresini Racing:

“Le condizioni cliniche generali di Fausto Gresini sono fragili, ma in lento e progressivo miglioramento. È cosciente e combattivo. Anche gli esami radiologici e di laboratorio vanno nella stressa direzione. Ha ancora bisogno di essere supportato per il respiro dal ventilatore meccanico, ma l’ossigenazione del sangue sta progressivamente migliorando. Ha iniziato la fisioterapia per riabilitare sia la respirazione che tutta la muscolatura. Rimane un paziente critico e fragile con un percorso di cura ancora lungo, ma la direzione presa negli ultimi giorni rende più ottimistica la prognosi che rimane a tutt’oggi riservata”.

#GetWellSoonFausto, il calore dei social per Gresini

Piloti, team, collegi, amici e semplici conoscenti: tutti si stringono alla famiglia Gresini per sostenere e incoraggiare Fausto nella sua battaglia personale contro il Covid-19. Il grido che sta riecheggiando nel mondo dei social è solo uno: #GetWellSoonFausto. Chi con una foto, con un ricordo o un messaggio affettuoso e chi in rispettoso silenzio. Tutto il mondo del Motorsport si unisce alla battaglia del lenone. Da 40 anni sulle piste, prima come pilota, e poi come manager, Fausto ha dedicato tutta la sua vita al mondo delle corse e ora, nel momento del bisogno, il calore e la forza arrivano proprio da quella stessa realtà che tanto lo ama e ammira.

Gresini Racing
Tanti auguri capo! Qui ti si aspetta tutti! Non mollare! ❤️ – Il caloroso messaggio di auguri del Team Gresini Racing per i 60 anni di Fausto – Photo Credit: pagina Faceebok Gresini Racing

Sabato 23 gennaio, Fausto ha raggiunto il traguardo dei 60 anni. Un compleanno indubbiamente particolare e malinconico, ma che ha raccolto migliaia di persone a stringersi intorno alla moglie Nadia e ai figli per ricordare insieme i momenti felici e le innumerevoli sfide superate da Fausto. La lotta del leone continua a piccoli passi, ma sempre con forza e determinazione. Così come continueremo anche noi a sostenere Fausto e la sua famiglia, rinnovando l’augurio di una pronta guarigione e un sincero in bocca al lupo. Non mollare Fausto, ti stiamo tutti aspettando e non vediamo l’ora di rivederti nel paddock, di rivederti a casa.

SEGUICI SU:

📷 INSTAGRAM: https://www.instagram.com/motors.mmi/
🎥 YOUTUBE: 
https://www.youtube.com/channel/UCigTTOEc6pPf3YtJMj9ensw
🎙 SPOTIFY: 
https://open.spotify.com/show/4r2r46o8ZTBOnjzPG7Hihw
📱 PAGINA FACEBOOK: 
https://www.facebook.com/motors.mmi/
✍ GRUPPO FACEBOOK: 
https://www.facebook.com/groups/763761317760397
📰 NEWS MOTORI: 
https://metropolitanmagazine.it/category/motori-sport/

Alberto Gelmi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo precedenteIl massacro di Las Cruces, ancora oggi un caso irrisolto
Articolo successivoBlind, “Cuore nero” è certificato disco di platino
Ciao, mi chiamo Alberto e ho 24 anni. Sin dalle scuole medie sono sempre stato affascinato dal mondo delle due ruote, ma è solo nel 2015, all'età di 18 anni, che ho provato sulla mia pelle la magia del primo Gran Premio. Nonostante seguissi già da tempo la MotoGP non ero mai andato oltre alla semplice gara trasmessa in televisione. Così, insieme a un mio grande amico, abbiamo deciso di affrontare la sfida nel migliore dei modi: da Milano al Mugello in sella a un 125cc per un viaggio magico e sentimentalmente infinito: pieno di felicità, emozioni, sorprese e naturalmente... MOTO. Da allora andare in moto e seguire (anche se solo virtualmente) i campioni delle due ruote è diventato una piacevolissima droga. Facendo un salto temporale in avanti arriviamo al presente, o quasi. È infatti nel 2019 che scopro la passione per la scrittura e decido da subito di approfondire la materia. Il lavoro da fare è ancora tanto e faticoso, ma il mio sogno resta quello di scrivere di sport, passione e sacrificio ed è grazie a Metropolitan Magazine se questa "sogno" si sta, giorno dopo giorno, concretizzando.