Cinema

Franco nero, cinque grandi interpretazioni di un’icona del cinema italiano

Compie oggi 80 anni Franco Nero. È uno degli attori simbolo del nostro cinema nel mondo. È stato candidato al Golden Globe e vincitore di un David di Donatello. Ha interpretato diversi film e sceneggiati televisivi diventato uno degli eroi del piccolo e del grande schermo

“Sa perché mi ricordo il numero? Io non li conto, però c’è una persona che mi segue e che lo fa per me. Una decina di giorni fa mi ha informato che ero arrivato a 239, dentro però ci sono anche qualche corto e qualche film televisivo ma sempre particolare, come Il generale o I promessi sposi, non quelli di oggi. Sono 239 lavori e il 90% è cinema. Diciamo che nella mia vita sono stato molto impegnato”

Cosi ha dichiarato in una recente intervista Franco Nero. Il fascino, lo sguardo di ghiaccio e ed un sorriso a fior di labbra facile da far scomparire hanno fatto del celebre attore italiano un’icona internazionale. Al suo attivo ha lavorato con grandi registi come Damiano Damiani, Sergio Corbucci e John Huston riuscendo perfettamente ad interpretare molteplici ruoli in diversi generi cinematografici come lo spaghetti western e il thriller.

Le cinque migliori interpretazioni di Franco Nero

Franco Nero in Django, fonte CG Entertainment

Tra gli innumerevoli film interpretati da Franco Nero abbiamo scelto quelli ritenuti da noi i più importanti. Scorrendo la sterminata carriera del grande attore italiano balza subito all’occhio il film “Django” di Sergio Corbucci , una pellicola che fece storia nel cinema e che ha ispirato Quentin Tarantino. Parliamo ora di due film che hanno fatto diventare Franco Nero una star internazionale. Il primo è “La Bibbia” di John Huston dove Nero interpreta un perfetto Abele. Il noto attore italiano è stato poi un fascinoso Lancillotto in “Camelot” di Joshua Logan. Il noto attore italiano ha fornito anche interpretazioni in film più impegnativi come quella del perfetto antieroe in “Il giorno della civetta” di Damiano Damiani. Nero ha, infine, interpretato anche personaggi psicologicamente complessi come lo scrittore protagonista di “Un tranquillo posto di campagna” di Elio Petri.

Stefano Delle Cave

Adv
Adv

Stefano Delle Cave

Stefano Delle Cave è scrittore, giornalista pubblicista e regista. Laureato magistrale in D.A.M.S. all’Università di Roma Tre. Gli articoli redatti da Stefano giornalista hanno per tema il cinema, la cultura e la società civile in genere.
Adv
Back to top button