La copertina di Freak of Nature - Ph: web
La copertina di Freak of Nature – Ph: web

Nel novembre del 2001 l’astro nascente della musica Anastacia pubblicò il suo secondo album Freak of Nature, che bissò e superò il successo dell’esordio dell’anno precedente Not That Kind.

Anastacia viene dal greco e significa “colei che nascerà ancora” o “resurrezione”. Mai nome fu più azzeccato per questa piccola grande donna che da quando era soltanto una bambina ha dovuto convivere con la malattia di Chron, una tachicardia sopraventricolare, sconfiggere due tumori al seno e subire svariate operazioni legate alle patologie di cui ha sofferto. Senza contare la fatica e l’ostinazione che le ci sono voluti per riuscire a diventare una cantante di successo ma alle proprie condizioni, senza risultare l’ennesimo prodotto commerciale confezionato da una casa discografica.

Anastacia agli MTV Video Music Awards del 2001 - Ph: Getty Images
Anastacia agli MTV Video Music Awards del 2001 – Ph: Getty Images

La piccola donna bianca con la voce di una grande donna nera: uno scherzo della natura!

Quando nel 1999 I’m Outta Love, il primo singolo di Anastacia, si diffuse nelle radio, la gente si aspettava che la cantante fosse una donna nera. Lo stupore fu grande quando si scoprì che la proprietaria di quel vocione potente era una minuta ragazza bianca. Sembrava proprio essere uno scherzo della natura, un freak of nature, titolo appunto del suo secondo album. Il lavoro riscosse subito uno straordinario successo soprattutto in Europa, portando la cantante a calcare i palchi più prestigiosi e a siglare collaborazioni con artisti illustri, da Elton John, suo grande punto di riferimento musicale, a Pavarotti e Celine Dion.

Prodotto dalla stessa squadra che si era occupata del primo album, il disco, composto da 12 tracce, trovò il successo grazie ai singoli Paid My Dues, One Day in Your Life, Why’d You Lie to Me e You’ll Never Be Alone. La cantante scrisse di proprio pugno la quasi totalità dei testi, come ha sempre fatto in seguito, traendo ispirazione dalla propria personale esperienza di vita, segnata dalla malattia che lei considera un dono in quanto l’ha portata a capire la persona che realmente è e le ha insegnato a controllare le emozioni.

Paid My Dues – Anastacia

Lo stile dell’album raccoglie sonorità che vanno dal pop all’R&B, al funk e al soul, con qualche componente rock e gospel. Un lavoro che è quasi un compromesso tra le infinite possibilità vocali della cantante e la volontà di incrociare i gusti del pubblico, senza risultare banale.

Anastacia - Ph: web
Anastacia – Ph: web

Il successo e la Anastacia mania

L’album consacrò Anastacia come star mondiale e la vide impegnata in un tour promozionale che andò ovunque sold out, facendo spesso registrare disordini fra le migliaia di persone che accorrevano per vederla.

Il grande successo ottenuto dalla cantante, le valse la partecipazione a Divas di Las Vegas insieme a Celine Dion, Mary J. Blige, Shakira, Cher e le Dixie Chicks. Fu inoltre incaricata di cantare l’inno dei mondiali di calcio 2002 di Corea e Giappone. Nel 2012 è stata pubblicata una Collectors Edition con delle tracce extra, remix e registrazioni tratte da alcuni live in Giappone. Ad oggi Freak of Nature ha venduto più di 16 milioni di copie.

Emanuela Cristo

seguici su:
twitter
instagram
facebook
Metropolitan Music

© RIPRODUZIONE RISERVATA