No Clooney, no party! Attore, regista, produttore cinematografico e attivista sociale è proprio lui: George Clooney, il sex symbol più amato del cinema internazionale. Ancora prima di comparire come testimonial di diversi marchi italiani come Nespresso, Fiat, Martini e Fastweb, Clooney arriva alla fama internazionale grazie ad un ruolo secondario in una fiction televisiva.

La gavetta televisiva e la notorietà

 Arriva alla notorietà grazie al fortunato ruolo dell’affascinante medico Douglas “Duog” Ross nella fiction televisiva E.R. Medici in prima linea. Personaggio secondario, il suo, che però non passa inosservato e si fa subito notare dagli esperti del settore.

Clooney Photocredit: dal web
Clooney Photocredit: dal web

Durante una lunga gavetta televisiva (Clooney interpreta il ruolo per 5 anni consecutivi, dal 1994 al 1999), l’attore inizia a lavorare anche per Hollywood, facendo la sua prima comparsa nel grande schermo. Impossibile dimenticare la performance in Dal tramonto all’alba di Robert Rodriguez accanto a Quentin Tarantino e Harvey Keitel.

Nonostante alcuni scivoloni nella sua carriera cinematografica (basti pensare al suo ruolo grottesco e parecchio imbarazzante di Batman), George Clooney è stato definito dal Time come una delle persone più influenti fino al 2010, e anche come l’Uomo più sexy al mondo. Come dargli torto…

Curiosità sulla famiglia Clooney

Tutti conoscono il buon vecchio George, che abbiamo imparato ad amare anche grazie ad una confortante presenza fisica in metà degli spot pubblicitari degli anni 2000. Tuttavia, non tutti conoscono una curiosità legata al suo ramo genealogico. Stando alle dichiarazioni sugli antenati della sua famiglia, la sua quadrisavola Mary Ann Sparrow, era la sorellastra di Nancy Lincoln, madre del presidente Abraham Lincoln.  Inoltre, essendo il padre di Tom Hanks un discendente di Abraham Lincoln, George Clooney sarebbe parente anche dell’attore Tom Hanks. Pensa te, quanto è piccolo il mondo.

Oltre alla sua carriera attoriale, Clooney è conosciuto anche per il suo curriculum nell’ambito registico. Il suo esordio alla regia viene definito promettente, nonostante il film, Confessioni di una mente pericolosa, risulti un vero flop al botteghino. Dopo di questo film Clooney girerà film di un certo spessore artistico Monuments man, Suburbicon (ne consigliamo la visione).

Seguici su MMI e Metropolitan cinema

© RIPRODUZIONE RISERVATA