Gossip e Tv

Gianluca Vacchi presenta il docufilm sulla sua vita

Da ieri è disponibile su Prime Video il docufilm di Gianluca Vacchi, Vacchi mucho mas. Un’occasione per scorgere il lato più privato del social showman che in un modo o nell’altro è riuscito sempre a far parlare di sè.

Gianluca Vacchi e la verità dietro al suo patrimonio

Nell’ultima intervista al Corriere della Sera, l’influencer è riuscito già a togliersi qualche sassolino dalla scarpa, contrastando l’accusa di essere vissuto fino ad oggi solo grazie ai soldi del padre:

Anche se non m’importa delle critiche, era ora di chiarire i misunderstanding. Il mio patrimonio è cento volte quello che mi ha lasciato mio padre. L’azienda di famiglia, la Ima, è diventata grande con la mia generazione, sotto la gestione di mio cugino.

Estratto dall’intervista al Corriere della Sera

In seguito il dj ci tiene a specificare anche in merito al presunto allontanamento dall’azienda di famiglia:

Un’altra barzelletta è che la famiglia mi ha allontanato dalla gestione: mi sono allontanato io perché non saprei fare il manager. Volevo fare l’imprenditore, diventare ricco. Lo dico senza vergogna: a vent’anni è un sogno legittimo Ho creato altre aziende, ma sempre impostando il lavoro sulla delega: per me è importante avere tempo per vivere come voglio io.

Estratto dall’intervista al Corriere della Sera

Ad oggi l’ultima spesa matta dell’imprenditore risulta la costruzione di una residenza di 1200 metri quadrati, dedicata alla figlia Blu Jerusalema. Il tutto per far sì che la piccola in futuro possa riconoscere in lui un “grande padre” ed un “grande uomo”:

Ha dato un senso a tutto. Non posso più prescindere dall’averla in braccio. È proprio una daddy girl: quasi quasi respinge sua madre se ci sono io nei dintorni. Però non dice “papà”, mentre dice “mamma”: forse pensa che tutti e due siamo mamma.

Estratto dall’intervista di Gianluca Vacchi al Corriere della Sera

Edoardo Baldoni

Adv

Related Articles

Back to top button