Calcio

Giorgia Meloni, di che squadra sei? Il mistero sul tifo calcistico

È il nominativo più discusso e chiacchierato del momento. Lodato dagli elettori di Destra ed aspramente criticato, come puntualmente succede, dalla fazione opposta che in questo caso alberga a Sinistra. Giorgia Meloni è la politica uscita vittoriosa (e che vittoria) dalle Elezioni Politiche 2022 che hanno consegnato al partito Fratelli d’Italia un elettorato ampio e compatto. La 45enne nata a Roma diventerà il primo Premier donna della storia nostrana, il fulcro centrale del prossimo Governo che si formerà in sostituzione dell’interregno guidato da Mario Draghi. Il futuro Presidente del Consiglio dei Ministri batterà, anche, un altro record che affonda le sue radici lontano dal mondo politico: sarà il primo Capo di Stato ad aver tifato prima per la Lazio e poi per la Roma. Ma per quale squadra tifa, allora, la tifosa Giorgia Meloni? Ecco la burrascosa storia da ultras della donna più potente d’Italia.

Gorgia Meloni, la tifosa indecisa: prima era della Lazio, adesso palpita per la Roma

La domanda, se vogliamo il mistero, resta sul banco. Per quale squadra fa il tifo Giorgia Meloni? Secondo il quotidiano La Repubblica, il percorso da tifosa della futura Premier è tortuoso e suggellato da un cambio di schieramento rarissimo da registrare. Soprattutto per chi è nato e ha vissuto tutta la vita tra le vie della Capitale. Negli anni ’90, racconta il giornale, la leader di Fratelli d’Italia si faceva chiamare “la draghetta di Undernet” nella sua copiosa attività sul web. Attraverso questi canali, la Meloni commentava diverse notizie toccando, anche, tematiche calcistiche. È proprio in questo contesto che la 45enne si professava fortemente laziale, attaccando e prendendo in giro la fazione opposta del tifo cittadino insieme ai colleghi biancocelesti di tifo. “Continuerò ad essere lazialissima“, diceva in modo fiero ed autoritario.

Un’affermazione che non avrà seguito. Già nel 2011, infatti, il cambio di tifo si mostra chiaro: Giorgia Meloni passa da una sponda all’altra del Tevere diventando, improvvisamente, una tifosa romanista. Durante la premiazione della Lazio, vincitrice della Coppa Italia di futsal, diceva: “Siete l’unica Lazio che posso tifare“. Nel 2015 il fantomatico cambio di tifo, mai ufficializzato dalla diretta interessata, è ancor più netto e marcato: “Che tifo per la Roma è noto e ovviamente la mia fede calcistica non mi consente di indossare la maglia biancoceleste“. Un cambiamento repentino, insomma, rispetto alle chat “lazialissime” degli anni ’90. Il mistero resta, la fede calcistica, evidentemente, no.

Seguici su Google News

Back to top button