Moda

Giornata mondiale degli Oceani: ecco alcuni brand ecosostenibili

L’8 giugno è la giornata istituita dall’Onu come World Oceans Day. Gli oceani vengono celebrati in questa data, in quanto ricorre l’anniversario della Conferenza Mondiale su ambiente e Sviluppo di Rio de Janeiro, il vertice dell’ONU.

L’istituzione della Giornata mondiale degli Oceani

L’Onu ha deciso di dedicare una giornata agli oceani per far riflettere sull’importanza della biodiversità. La vita dell’intero Pianeta dipende infatti dalle acque oceaniche, che generano più del 50% dell’ossigeno presente sulla Terra. Gli oceani sono infatti di fondamentale importanza per la regolazione del clima e dell’assorbimento dell’anidride carbonica. La Giornata mondiale degli Oceani vuole rimarcare la consapevolezza a preservare maggiormente il nostro ambiente per tutelare non solo la nostra salute, ma quella dell’intero Pianeta. Le acque oceaniche occupano il 70% della vita terrestre e l’80% della biodiversità mondiale. Le acque ospitano gran parte delle varietà animali, dalle piccolissime alghe e batteri che costituiscono il fitoplancton fino si grandi predatori marini.

L’inquinamento degli oceani

Gli oceani sono perennemente devastati dalle azioni umane come la pesca intensiva, l’inquinamento da plastica, lo sfruttamento dei combustibili fossili e la caccia a specie protette. Nel 2021 le Nazioni Unite hanno dato vita al cosiddetto Decennio del Mare, con l’obiettivo di sviluppare la ricerca scientifica e la tecnologia in favore in una maggiore tutela per l’ambiente. In questa occasione è stata stilata una dichiarazione di intenti per raggiungere un obiettivo di sviluppo sostenibile entro il 2030. Si tratta di “Conservare e utilizzare in modo sostenibile gli oceani, i mari e le risorse Marine”. L’Agenda 2030 contiene gli obiettivi che devono essere raggiunti per il mantenimento della vita dell’equilibrio del pianeta. Infatti il Punto 14 prevede la necessità di tutelare la vita negli oceani. L’importanza delle acque oceaniche è dovuta non solo all’assorbimento della CO2, ma garantiscono anche l’economia delle nazioni. Il 5% del PIL mondiale dipende infatti dagli oceani.

La moda mare ecosostenibile 2022

Nel mondo della moda si parla spesso di brand ecosostenibili, che sono attenti a produrre tessuti in rispetto dell’ambiente. In particolare si parla di costumi da bagno in filato riciclato da reti da pesca e bottiglie di plastica, uniti a ritagli di tessuto. Un marchio che rivolge attenzione alla tutela delle acque oceaniche è Suahru. Questo brand elimina le stampe dei tessuti in modo tale da ridurre l’inquinamento da agenti reattivi ed evitare un eccesso di dispersione di acqua nella realizzazione. Il brand di costumi Muze Paris utilizza uno speciale nylon rigenerato dai rifiuti in plastica. Il brand di abbigliamento e beachwear Seay focalizza l’attenzione sulla circolarità. Questo sistema funziona in modo tale che chi consegna un capo o un costume da bagno vecchio sa che questo verrà rivenduto, donato oppure rigenerato per produrre nuovi tessuti.

Sonia Faseli

Adv

Related Articles

Back to top button