Nel 5º turno di Coppa Italia Asiago vince 7-3 contro Verona, ma nuovamente un errore tecnico arbitrale obbliga la ripetizione della gara.

“Il dubbio è una passerella che trema fra l’errore e la verità.”

Grazie a questa frase di Gesualdo Bufalino, scrittore e poeta italiano, immaginiamo il dubbio come un acrobata che, sospeso su di un filo, cerca di non sbilanciarsi troppo per non cadere dalla parte sbagliata. Sì, perché in questo caso il problema principale non è perdere l’equilibrio ma perderlo dal lato sbagliato, quello che induce all’errore.

Certamente questa stagione sportiva in serie A, almeno fino ad ora, verrà ricordata come quella con più errori tecnici arbitrali. Abbiamo ancora nella mente le tre gare di Coppa Italia disputate tra Ferrara e Cittadella. Una da calendario e due di ripetizione a causa proprio di errori arbitrali. Non è passato molto tempo da quegli episodi e nuovamente ci troviamo di fronte ad una decisione del giudice sportivo che decreta la ripetizione di una partita.

Coppa italia
Momenti della gara Foto Vanessa Zenobini

Tutto da rifare

Sabato è andato in scena il 5º turno di Coppa Italia, manifestazione stregata a quanto pare, e sul campo di Asiago si affrontano i padroni di casa e il CUS Verona. Le Vipere dell’altopiano vincono per 7-3, ma al termine dell’incontro verrà compilato un referto di gara che andrà a finire sulla scrivania del giudice sportivo.

L’errore!

Nuovamente un errore tecnico, nuovamente confusione. Infatti a seguito di una penalità differita contro Asiago andava a segno il Verona, ma invece di annullare la penalità che Asiago stava già scontando con un giocatore in panca puniti, gli arbitri hanno annullato la penalità differita che sarebbe dovuta iniziare subito dopo la rete.

Coppa Italia
Momenti della gara Foto Vanessa Zenobini

Dalla motivazione che si evince leggendo il comunicato ufficiale n.24 del 09/11/2020, una delle cause che avrebbe condotto all’errore la coppia arbitrale sarebbe stata una terza persona. Ora noi non siamo né deputati, tantomeno intenzionati a dare pareri o ragioni, ma ci sembra al quanto assurdo leggere che dei giudici di gara sbaglino o cambino idea facendosi condizionare da qualcuno di esterno alla pista.

Il risultato però è che Asiago-Verona andrà rigiocata, precisamente il 15 gennaio alle ore 20:30. Speriamo che non servano altre due gare per decretare chi passerà il turno, ma sopratutto che la passerella dei futuri dubbi possa tremare spingendo le decisioni verso la verità.

Seguici su Metropolitan Magazine Italia

© RIPRODUZIONE RISERVATA