Gossip e Tv

Hormoz Vasfi: “Sara Croce mi ha diffamato”

Il petroliere iraniano, Hormoz Vasfi, si difende dalle accuse dell’ex bonas di Avanti un altro. Già due anni fa il magnate denunciò Sara Croce, tacciandola di raggiro economico. Ora invece, risponde in merito alla contro-accusa per stalking avanzata dalla showgirl.

Hormoz Vasfi, ecco la sua versione dei fatti

Foto presa da Il Corriere della Sera

L’imprenditore, in seguito alle parole di Sara Croce, ha deciso di sfogarsi sulle pagine de Il Fatto Quotidiano, fornendo una propria versione ed iniziando subito a smentire la denuncia della ragazza:

Mi hanno dipinto come un mostro. Ma la verità è che sono io a essere stato diffamato da Sara Croce. La denuncia contro di me per stalking non è mai esistita. Eppure i media nazionali ne hanno dato risalto senza mai verificarne l’inesistenza.

Dopo di che ha aggiunto sia in merito a come stia vivendo la querelle quotidiana, sia riguardo i messaggi inviati alla modella:

Questa accusa terribile ha avuto gravi conseguenze sulla mia reputazione a livello professionale e umano, persino mio figlio per un lungo periodo ha preso le distanze da me.

Erano di tipo organizzativo con lo zio e la madre. Cercavo di prendere accordi per farmi restituire il dovuto, come peraltro mi era stato promesso. Anche perché avevo bloccato il suo contatto telefonico.

Così invece (due anni fa) la showgirl parlava della relazione con Vasfi al Corriere:

Mi portava in palmo di mano, mi apriva la porta, si alzava quando entravo della stanza. È un uomo affascinante, parla cinque lingue, fa discorsi interessanti. Ma poi si è rivelato orrendo.

Inoltre, in quell’occasione, l’ex bonas era sembrata palesemente preoccupata:

Sono molto agitata, mi sento spiata, non sono più tranquilla. Ho la sensazione che qualcuno mi controlli. Da qualche mese ho iniziato un percorso per farmi aiutare.

Una vicenda che potrebbe essere destinata tranquillamente alle aule di tribunale. Per ora solo rimbrotti reciproci. Chissà quindi quale delle due versioni verrà confermata.

SEGUITECI SU GOOGLE NEWS !!!

Edoardo Baldoni

Back to top button