Inchiesta sanità in Basilicata, arrestato Pittella

Foto dell'autore

Di Redazione Metropolitan

Inchiesta che riguarda nomine e concorsi nella sanità lucana. 

Falso e abuso d’ufficio. Sono queste le accuse contestate al Presidente della Regione Basilicata, Marcello Pittella del Pd. Da ieri si trova ai domiciliari, nella sua casa di Lauria, in provincia di Potenza. Inchiesta della Guardia di Finanza che riguarda alcuni episodi di manipolazioni di concorsi e raccomandazioni nel sistema sanitario. Le indagini sono cominciate circa un anno e mezzo fa, in seguito all’esposto di un dipendente di una ditta fornitrice di servizi.

Marcello Pittella, Governatore Pd della Basilicata (Photo Credits: www.ilsussidiario.net)

Le ipotesi accusatorie formulate individuano nel Governatore Pittella la persona che ha influenzato pesantemente le scelte gestionali delle aziende sanitarie ed ospedaliere lucane nell’ambito dei concorsi indetti per la selezione e l’assunzione di personale, interfacciandosi direttamente con alcuni dirigenti, tra i quali vanno annoverati in primis, il direttore generale dell’Asm e quello amministrativo dell’azienda stessa.

L’ASM, l’azienda sanitaria di Matera (Photo Credits: giornalemio.it)

È lui il “deus ex machina di questa distorsione istituzionale” scrive il gip di Matera, Angela Rosa Nettis nell’ordinanza di custodia cautelare. Pittella “influenza le scelte gestionali delle aziende sanitarie e ospedaliere interfacciandosi direttamente con i direttori generali che sono stati nominati con validità triennale dalla sua giunta” si legge. E, volendosi ricandidare a governatore alle prossime regionali, il pericolo di reiterazione dei reati è concreto, visto che “ciò fa ritenere che continuerà a garantire i suoi favori e imporre i suoi placet”.

Sede della regione Basilicata (Photo Credits: www.basilicata24.it)

Accuse gravissime che, a prescindere dal seguito cui darà la magistratura, gettano un’ombra inquietante sulla gestione della sanità pubblica e del suo legame con i partiti e con la politica regionale.

Dobbiamo accontentare tutti” diceva Pittella in un’intercettazione. Frasi che rivelano, secondo le indagini della Guardia di Finanza, come il presidente della Regione cercasse di gestire nomine e concorsi pubblici, per esempio gonfiando il punteggio ottenuto dai candidati. 

La Guardia di finanza di Matera (Photo Credits: www.giornaledibasilicata.com)

Gli accertamenti eseguiti dalla Procura della Repubblica di Matera e dalla Guardia di Finanza hanno evidenziato il “totale condizionamento della sanità pubblica da parte di interessi privatistici e da logiche clientelari politiche”. Lo ha detto il Procuratore Pietro Argentino nella conferenza stampa sull’inchiesta.

La conferenza stampa del procuratore capo di Matera, Piero Argentino con gli ufficiali della Guardia di Finanza (Photo Credits: www.lagazzettadelmezzogiorno.it)

In sostanza, gli investigatori si sono trovati in presenza di concorsi letteralmente “truccati”. 31 persone ai vertici del sistema sanitario lucano sono state raggiunte da misure restrittive perché accusate di reati contro la Pubblica amministrazione.

Guardia di Finanza (Photo Credits: www.cn24tv.it)

Le vicende emerse in queste ore in Basilicata gettano un’ombra inquietante sulla gestione della Sanità pubblica. Basta con l’intreccio tra partiti e sanità. Seguirò con la massima attenzione gli sviluppi dell’inchiesta”. Lo dichiara in una nota il Ministro della Salute, Giulia Grillo.

Il Ministro della Salute Giulia Grillo (Photo Credits: www.lasiritide.it)

I poteri di presidente della Giunta sono passati alla vicepresidente Flavia Franconi, che è anche assessore alla sanità.

Patrizia Cicconi