Tennis

Indian Wells: bene Berrettini contro Tabilo. Sonego ko con Anderson

Prima vittoria assoluta a Indian Wells per Matteo Berrettini, che batte in due set un agguerrito Alejandro Tabilo e conquista i sedicesimi di finale. Non riesce a raggiungerlo Lorenzo Sonego, sconfitto in un doppio tie-break da un ispirato Kevin Anderson.

Indian Wells: Matteo in controllo, Lorenzo fatica

Ritorna a vincere nel circuito maggiore, dopo i quarti conquistati agli US Open, Berrettini che supera senza qualche difficoltà un buon Tabilo, all’esordio assoluto a Indian Wells. Nel primo set in particolare Matteo è costretto a servire più con la seconda che con la prima (dato inusuale per lui), ma riesce comunque a tenere un’alta resa, concedendo solo otto punti in tutto il parziale. Il tennista romano riesce così a difendere il break effettuato nel terzo game, che gli permetterà di suggellare il set sul 6-4. Nella seconda frazione Berrettini ritrova con regolarità una prima da cui deriva 20 punti, 8 dei quali ace; Tabilo non riesce a gestire il bombardamento di Matteo, ma a sua volta mette in difficoltà l’avversario alla battuta. Il numero uno d’Italia infatti riesce a trovare la prima palla break solamente nell’undicesimo game, ma basta quella per trovare il vantaggio e chiudere poi sul 7-5.

Non pochi rammarichi per Sonego, che arriva vicinissimo a vincere il primo set nel primo dei due tie-break giocati contro un ottimo Kevin Anderson. Il tennista sudafricano sul 6-3 aveva dilapidato un tesoretto di tre set point tutti salvati da Lorenzo che, a sua volta aveva guadagnato una chance di andare al secondo set avanti. Il piemontese però subisce due velenosi mini-break che poi portano Anderson a chiudere la frazione sul proprio servizio. Un’ora dopo è ancora tie-break ed è ancora Anderson in vantaggio 6-3, ma questa volta il 35enne numero 67 del mondo non si fa sfuggire l’occasione di mettere le mani sul match. Ai sedicesimi affronterà Gael Monfils, che stasera ha sconfitto un altro tennista azzurro, Gianluca Mager.

ENRICO RUGGERI

Photo Credit: via Twitter, @federtennis

Seguici su Metropolitan Sport

Adv
Adv
Back to top button