Attualità

Iran: sui siti dell’Unesco spuntano le bandiere bianche

Le immagini di Mohammad Hassan Forouzanfar, accompagnate dall’hashtag #peace, manifestano la volontà collettiva di mantenere la pace in Iran

Un hashtag che lascia poco spazio all’immaginazione, #peace, accompagnano dieci immagini dei siti dell’Unesco dell’Iran. Su questi siti dieci bandiere bianche sventolano a manifestare la necessità di mantenere la pace in un territorio che sta vedendo sempre di più avvicinarsi la minaccia di una guerra.

L’architetto iraniano Mohammad Hassan Forouzanfar ha risposto così al tweet di Donald Trump. Qui il presidente americano minacciava una guerra in seguito all’attacco da parte dell’Iran che ha vendicato l’assassinio del proprio generale Qassim Soleimani.

“L’Iran ha una cultura liquida. Dai romani ai moghul, chi è entrato in queste terre (con o senza permesso) ha lasciato il segno e in qualche modo ha instaurato un dialogo con la cultura locale, rendendola una delle antiche civiltà più fiorenti.”

Iran: sui siti dell'Unesco spuntano le bandiere bianche.
Immagine dal web
Immagine dal web

Un messaggio toccante, quello dell’architetto, che invita a riflettere su come un’eventuale perdita di queste meraviglie dell’umanità danneggerebbe non solo l’Iran ma il patrimonio della bellezza globale e la storia dell’intera razza umana.

“La guerra non ha nulla da perdere mentre l’Iran ha sempre avuto molto da perdere e si è sempre preoccupato di proteggere questo “molto”. Queste pietre e questi mattoni sono intrisi di cultura, ma non sono la cultura: per questo possono essere distrutti dalle armi e dai carri armati ma non per questo verrà annientato il significato che portano con sé. Essere iraniani è nella nostra memoria collettiva, nella nostra lingua e nella nostra letteratura, è in come pensiamo ed è nel mondo”

A dare ragione all’artista anche la Convenzione dell’Aia per la protezione dei siti culturali del 1954. Questa afferma che rendere i siti culturali bersaglio di attacchi è un vero e proprio crimine di guerra.

E l’Italia?

Anche i cittadini italiani hanno deciso di contribuire a questo “movimento”. È nata una petizione diretta al Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Dario Franceschini. Il nome della petizione è “SVENTOLA BANDIERA BIANCA SUI 55 SITI UNESCO ITALIANI“, se volete partecipare basta firmare qui.

Seguici su Facebook

Leggi anche: Attacco missilistico dell’Iran alle basi militari americane in Iraq

Back to top button