Look Jovanotti- photo credit: web
Look Jovanotti- photo credit: web

Jovanotti è nato a Roma il 27 settembre 1966 è il cantante che rappresenta al meglio l’Italia nel mondo. Poliedrico, creativo, cantautore, rapper e pure disc jockey. Alla fine degli anni Ottanta viene lanciato dal produttore discografico Claudio Cecchetto e diventa famoso.

Il successo

Frizzante. È forse questo l’aggettivo più adatto per descriverlo. È il classico «ragazzo della porta accanto»: gentile, sorridente, onesto. Amato dalle figlie ma anche dalle madri. Anche il suo look di allora racconta il suo carattere: chiodi di pelle colorata, cappello baseball style indossato a ore 11, calzettoni di spugna e Dr Martens ai piedi. Le sue performance scoppiettanti sono acclamate da tutti: lui canta «Ciao mamma, guarda come mi diverto!» con dolcezza e determinazione, o «L’ombelico del mondo» facendo ballare tutte le persone presenti, di qualsiasi età.

jovanotti- photo credit: web
jovanotti- photo credit: web

Ama molto i cappelli, soprattutto quelli country e spesso, nei primi anni di carriera, li indossa con grande disinvoltura. Poi arrivano gli anni Novanta, le prime camicie a quadri, i jeans morbidi, gli occhiali da sole con lenti colorate, le giacche a vento oversize e dai colori brillanti. E anche qui, Jovanotti è il primo a sfoggiarli, come un visionario di stile.

Il suo successo continua a crescere, album dopo album, concerto dopo concerto. Anche la tivù è innamorata di lui e dei suoi look. Con l’avvento degli anni Duemila, arriva anche la maturità canora della popstar. Si sposa con Francesca Valiani in tight con cappello a cilindro e la foto fa il giro del mondo. I suoi outfit alternano una moda shabby chic fatta di T-shirt con scritte con stampe amate dai geek, maglie à la marine a righe orizzontali, camicie rimboccate, a una moda declinata in smoking per le serate di gala e dettagli timeless come il cappello Borsalino.

Lo stile poliedrico

Nel suo guardaroba non può mancare, di certo, una sana dose di ironia, presente in tutte le sue canzoni: indossa capi firmati Moschino, la famosa maglia con la scimmia quando duetta con Fiorella Mannoia nel 2012 e abiti formali tempestati da paillettes e ricami. Con l’inizio della collaborazione con lo stylist Nick Cerioni, iniziano anche le prime collaborazioni deluxe. Sui palchi del tour, nel 2015 Jovanotti indossa capi e accessori di Valentino (allora diretto dalla coppia creativa Maria Grazia Chiuri e Pierpaolo Piccioli).

style Jovanotti - photo credit: web
style Jovanotti – photo credit: web

Tra i tanti look, il più iconico è quello impreziosito dalla giacca con le frange e dal bomber sparkling animalier. Nel 2018, invece, con il tour Oh Vita!, la popstar sceglie Gucci come main brand delle sue performance: memorabili il tuxedo azzurro con revers neri a contrasto, il blazer a righe e la camicia, entrambi ricamati con paillettes lucenti. Non solo. I suoi abiti diventano anche motivo di charity.

Un esempio è quello della T-shirt Backup firmata da Diesel e Jovanotti: realizzata in edizione limitata, per ogni modello venduto sono stati devoluti 5 euro in beneficenza per sostenere la Only the brave foundation di Renzo Rosso. E, ancora, la giacca fluo e fucsia, disegnata da Costume national per Jovanotti. Il cantante è un’esplosione di colore ed energia, proprio come la sua musica. Proprio come la sua personalità.

Jovanotti- T-shirt - Diesel - photo credit: web
Jovanotti- T-shirt – Diesel – photo credit: web
Jovanotti in Dior - photo credit: web
Jovanotti in Dior – photo credit: web

La designer Maria Grazia Chiuri ha creato per Lorenzo Cherubini tutti gli outfit che ha indossato l’estate lungo le tappe di quell’esperienza unica che è il  Jova Beach Party, il tour che ha debuttato a Lignano Sabbiadoro il 6 luglio.

Tramite il suo stile, il cantante vuole rappresentare gli incontri, la natura e la tutela dell’ambiente. Ed è così che questi capi ne evidenziano l’insaziabile curiosità, che lo spinge a cimentarsi in vari generi musicali, e ne sottolineano il talento per la realizzazione di spettacoli molto energici e originali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA